23 settembre 2020
Aggiornato 18:00
L'autista ha accelerato e sterzato: 'Neutralizzato'

Gerusalemme, palestinese su camion uccide 4 persone

Quattro soldati israeliani sono stati uccisi da un camion che è piombato su di loro a Gerusalemme ovest in quello che le autorità hanno definito un atto di terrorismo

GERUSALEMME - Quattro soldati israeliani sono stati uccisi da un camion che è piombato su di loro a Gerusalemme ovest in quello che le autorità hanno definito un atto di terrorismo. L'autista, che ha accelerato e sterzato per lanciarsi contro il gruppo di militari appena scesi dall'autobus, è stato «neutralizzato» hanno dichiarato le autorità israeliane. Secondo la polizia l'assalitore è originario di Gerusalemme Est, scrive Haaretz.

Attacco terroristico
«E' un attacco terroristico», ha dichiarato il portavoce della polizia su Israel Radio, aggiungendo che ci sono corpi «sparsi lungo la strada», scrive Bbc. Oltre ai quattro soldati morti, tre donne e un uomo, si registrano 15 feriti di cui uno in serie condizioni, scrive Haaretz. Secondo i paramedici che sono arrivati sulla scena «un camion ha colpito un gruppo di giovani sulla ventina appena scesi dall'autobus vicino al punto di controllo di Armon Hanatziv» e circa una «una decina di persone sono a terra» e alcuni erano rimasti «intrappolati sotto il camion».

L'attentatore
Il commissario della polizia Roni Alsheich ha identificato l'attentatore come un palestinese residente a Gerusalemme Est che aveva, però, una patente israeliana e guidava un veicolo con targa di Israele. Responsabili della sicurezza palestinesi di Ramallah hanno confermato che l'assalitore proveniva da un quartiere di Gerusalemme Est, Jabal Mukaber, non lontano da dove è avvenuto l'attacco.

Simpatizzante dell'Isis
Secondo il premier israeliano Banjamin Netanyahu, il responsabile dell'attentato era un simpatizzante dell'organizzazione jihadista Stato islamico (Isis). «Conosciamo l'identità dell'attentatore, che stando a tutte le informazione sosteneva l'Isis», ha detto Netanyahu in un comunicato diffuso dal suo ufficio. Il premier a quindi letto l'attacco di oggi a Gerusalemme in un contesto internazionale: «Noi sappiamo che gli attentati si susseguono, dalla Francia a Berlino e ora a Gerusalemme, ed è probabile che ci sia un legame tra questi».  Netanyahu ha visitato la scena dell'attacco insieme al ministro della Difesa Avigdor Lieberman. In effetti, nonostante il parallelismo con Nizza e Berlino sia evidente, diversi analisti hanno sottolineato come la pratica di compiere attentati con armi improprie (coltelli, veicoli, camion) sia tipica del «terrorismo popolare» palestinese.

Hamas: atto eroico
Intanto Hamas, attraverso la sua tv, ha definito «eroico» l'attacco «con un camion dell'Intifada» contro i soldati israeliani. Alsheich ha spiegato che non c'erano state allerta su possibili attacchi di questo genere. Il portavoce della polizia Micky Rosenfeld ha dichiarato che le vittime stavano facendo un giro turistico della città e quando l'autista del camion «ha accelerato puntando il veicolo su di loro, in quel momento abbiamo escluso l'incidente».

Nove arresti
Nove persone sono state arrestate dalla polizia israeliana nell'ambito delle indagini sull'attentato compiuto oggi a Gerusalemme dal 28enne Fadi Qunbar, un palestinese di Gerusalemme Est. Stando a quanto riferito da un portavoce della polizia, citato dalla Cnn, cinque delle persone arrestate sono familiari dell'attentatore.

(con fonte afp)