19 agosto 2019
Aggiornato 01:30
La proposta sarà sottoposta al congresso del partito di gennaio

Immigrazione, subito in Africa i migranti salvati. La proposta della Csu che mette alla prova la Merkel

La Csu, partito alleato della Cdu di Angela Merkel, ha redatto un documento con una proposta sull'immigrazione. Che consisterebbe nel rompere l'automatismo della rotta mediterranea

BERLINO - I migranti, che vengono intercettati o salvati durante la traversata del Mediterraneo, dovranno in futuro essere portati in Africa e non più sulla terraferma europea. È questo il nucleo della proposta contenuta in un documento che sarà messo al voto del congresso di inizio gennaio della Csu, il partito cristiano-sociale bavarese, storico alleato della cancelliera Angela Merkel.

Bloccare l'automatismo della rotta mediterranea
La rivelazione, immediatamente ripresa da tutti i media tedeschi online, è del quotidiano «Rheinische Post»: «Dobbiamo immediatamente bloccare l'automatismo della rotta mediterranea, secondo il quale tutti gli uomini salvati debbono essere portati in Europa», si legge sulla proposta, intitolata «Sicurezza per la nostra libertà».

In che cosa consiste la proposta
Per lottare contro il traffico organizzato di esseri umani, la Csu propone di collaborare con Paesi come l'Egitto e la Tunisia affinché i migranti vengano riportati nel loro territorio. Tutti coloro invece che riescono comunque a raggiungere la Germania «che non hanno un passaporto o non forniscono un'identità devono essere fermati al confine e portati nei centri di transizione finché non vengono identificati». La proposta ritorna inoltre sulla richiesta che venga fissato un tetto annuale (di 200.000) agli asili concessi, limite che la cancelliera tedesca si è rifiutata finora di prendere in considerazione. Si chiede anche di limitare i ricongiungimenti e di accelerare le procedure di espulsione per coloro che si sono macchiati di qualche reato. Non si deve consentire poi che persone come l'attentatore di Berlino, con diverse false identità, viaggino indisturbate attraverso l'Europa. Infine si auspica un rafforzamento della videosorveglianza in tutti i luoghi pubblici.

Un anno cruciale per Angela Merkel
Il presidente del partito Horst Seehofer spinge già da mesi sul tasto della sicurezza e minaccia la fine della collaborazione con la Cdu se questa non modificherà la sua politica di sicurezza e di asilo. Questo tema sarà cruciale per Angela Merkel, che ha deciso di ricandidarsi per un quarto mandato alle legislative dell'autunno 2017. Alcuni sondaggi, condotti dopo la strage al mercato di Natale di Berlino, hanno rilevato comunque che l'attentato non ha sottratto consensi alla cancelliera, che invece ha guadagnato due punti, né hanno catapultato in avanti l'Afd (Alternative fuer Deutschland), partito della destra xenofoba, che ha guadagnato un solo punto. E secondo un sondaggio Forsa per la rivista Stern la grande maggioranza dei tedeschi, il 68%, non vede un collegamento diretto tra l'attentato di Berlino e la politica migratoria del governo.