24 giugno 2021
Aggiornato 13:30
Jean Claude Juncker e Donald Tusk esprimono solidarietà a Hollande

Attentati Parigi, le istituzioni Ue al fianco della Francia

I vertici dell'Unione europea si dicono atterriti e indignati nel vedere la Francia colpita dal «terrorismo più odioso» e, rivolgendosi al presidente Hollande, assicurano che la Francia non è sola nella lotta al terrorismo islamico

ROMA - I vertici dell'Ue hanno reagito immediatamente ieri notte alle notizie degli attentati di Parigi. Il primo, poco dopo la mezzanotte, è stato il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, che ha inviato una lettera al presidente francese, François Hollande, dicendosi «atterrito e indignato nel vedere che la Francia è in questo momento colpita dal terrorismo più odioso».

La solidarietà dell'Europa
«Penso alle vittime, ai feriti, ai soccorritori», scrive Juncker, dicendosi fiducioso «che il popolo francese saprà superare insieme questa nuova prova». «Stasera, tutti i miei pensieri e tutta la mia solidarietà vanno alla Francia e ai Francesi», conclude Juncker. Subito dopo Juncker, la Commissione europea, il Consiglio Ue e e il Parlamento europeo hanno emesso una dichiarazione congiunta sugli attentati durante il negoziato che stavano conducendo - e che si è concluso con un accordo - per approvare il bilancio annuale dell'Ue per il 2016. Nella nota, le tre istituzioni dell'Ue dicono di aver «appreso la notizia terribile di un'ondata di violenze perpetrate a Parigi» e «condannano questi atti abietti che li scioccano profondamente». Il comunicato termina con il cordoglio per «le vittime i loro cari», esprimendo «la solidarietà dell'Unione europea al popolo francese».

Tusk: Ue sempre vicina a Francia
Più lunga e articolata la lettera del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, al presidente Hollande, arrivata alla stampa dopo le due: «Caro François - scrive Tusk - quest'attacco è un oltraggio alla Francia e all'Europa intera. Oggi la Francia è in prima linea nella lotta contro il terrorismo. Ma non è sola: questa lotta è la lotta di tutti gli europei e anche di tutte le persone del mondo libero. La Francia - sottolinea Tusk - è una grande, forte e resistente nazione. Supererà questa tragedia. L'Unione europea, restando al suo fianco solidale, la assisterà. Assicureremo che questo tragico e vergognoso atto di terrorismo contro Parigi fallisca nel suo scopo: dividere, impaurire, e minare i valori della libertà, eguaglianza e fraternità, che fanno della Francia una grande nazione». I valori che «la Francia ha posto al cuore dell'Unione europea», che «sarà sempre al fianco della Francia, dl suo governo e del suo popolo. Garantiremo che sia fatto tutto il possibile al livello europeo per la sicurezza della Francia, e che la strategia antiterroriismo dell'Europa sia adeguata alla sfida che abbiamo davanti nei prossimi mesi», conclude il presidente del Consiglio europeo.



(con fonte Askanews)