19 agosto 2019
Aggiornato 12:00
Presidente francese solidale con Poroshenko

Ucraina, Hollande condanna le violenze ed esprime solidarietà a Poroshenko

Il presidente francese Francois Hollande ha condannato le violenze che hanno provocato tre morti durante gli scontri a Kiev tra poliziotti e nazionalisti ucraini

PARIGI (askanews) - Il presidente francese Francois Hollande ha «condannato le violenze» che hanno provocato tre morti durante gli scontri a Kiev tra poliziotti e nazionalisti ucraini. Lo ha indicato la presidenza francese. «Il presidente della Repubblica condanna le violenze che hanno accompagnato il 31 agosto l'adozione in prima lettura da parte della Rada degli emendamenti costituzionali legati alla decentralizzazione in Ucraina», ha dichiarato l'Eliseo in una nota.

Condoglianze e solidarietà a Poroshenko
Hollande ha espresso le sue «condoglianze ai parenti dei membri delle forze dell'ordine che hanno perso la vita e ha augurato una pronta guarigione ai tanti poliziotti e persone ferite». Il presidente francese ha «espresso di nuovo tutta la sua solidarietà» al suo omologo ucraino Petro Poroshenko, «alle autorità ucraine e alla popolazione intera in questi momenti difficili».

Kiev nel caos
Il presidente ucraino è in una posizione difficile con una maggioranza fragile, dopo gli scontri mortali a Kiev tra poliziotti e nazionalisti, che hanno ricordato la contrarietà di una parte della società a una riforma voluta dagli occidentali e che garantisce maggiore autonomia ai separatisti. Previsti dagli accordi di pace di Minsk firmati a febbraio con la mediazione franco-tedesca, questi emendamenti costituzionali sono giudicati troppo dolorosi da molti ucraini che li considerano una concessione inaccettabile ai ribelli e a Mosca, dopo sedici mesi di un conflitto che ha provocato oltre 6.800 morti.