Autorità al lavoro

Attentato Sousse, dieci le vittime identificate

Si tratta di otto cittadini britannici, una belga e un tedesco. La nazionalità delle vittime non è immediata da accertare dal momento che la maggior parte è stata uccisa sulla spiaggia dell'albergo, e non aveva quindi indosso documenti. Regno Unito sotto choc.

TUNISI (askanews) - Sono dieci le vittime dell'attentato avvenuto ieri nella località tunisina di Sousse identificate finora dalle autorità: si tratta di otto cittadini britannici, una belga e un tedesco, come ha reso noto il portavoce del Ministero della Sanità tunisino, Naoufel Somrani.
Somrani ha precisato poi che fra le 38 vittime dell'attentato non risulta al momento alcun cittadino norvegese, al contrario di quanto precedentemente indicato; i feriti sono 39 fra cui britannici, tedeschi e belgi.
La nazionalità delle vittime non è immediata da accertare dal momento che la maggior parte è stata uccisa sulla spiaggia dell'albergo, e non aveva quindi indosso documenti.

Regno Unito sotto choc
La Gran Bretagna è sotto choc all'indomani dell'attentato in Tunisia sulla spiaggia di Sousse. Fra le 39 vittime sono stati identificati 8 turisti britannici e tutto lascia pensare che ve siano molti di più. Il premier David Cameron ha affermato: «Ho paura che il popolo britannico debba prepararsi all'idea che molte delle vittime sono britannici». Secondo la maggiore associazione di agenzie di viaggio, la Abta, sono almeno 20mila i turisti britannici in Tunisia.
Con un messaggio televisivo, Cameron ha assicurato che il governo «farà tutto il possibile per riportare a casa le persone coinvolte» nella strage di ieri sulla spiaggia di Sousse e che fornirà l'assistenza consolare necessaria.
Le agenzie di viaggio responsabili del soggiorno in Tunisia dei britannici hanno organizzato una decina di voli per andare a recuperare i circa 2.500 clienti. Tutti i viaggi per la prossima settimana sono stati cancellati.

Tour operator invia 10 voli per evacuare 2.500 britannici
Il tour operator Thomson ha annunciato oggi l'invio di dieci aerei in Tunisia per il ripatrio di circa 2.500 turisti britannici dopo l'attentato di ieri a un resort di Sousse, rivendicato dall'Isis, che ha fatto almeno 38 vittime.
Il Foreign Office ha annunciato questa mattina che il numero dei britannici rimasti uccisi nell'attentato è di cinque. Ma il ministro degli Esteri Philip Hammond ha avvertito ieri che il bilancio è provvisorio e potrebbe aggravarsi nelle prossime ore.
«Thomson e First Choice possono confermare che il Riu Imperial Marhaba e il Riu Bellevue», i due hotel attaccati ieri, «fanno parte delle destinazioni proposte. Alcuni dei nostri clienti sono stati uccisi o feriti», si legge in un comunicato del tour operator.
«In ragione di questa terribile tragedia, Thomson e First Choice rimpatriano tutti i clienti di Port el Kantaoui e Sousse. Dieci voli di Thomson Airways partono per la Tunisia per rimpatriare circa 2.500 clienti», ha aggiunto il tour operator nella nota, spiegando di avere «annullato tutti i soggiorni Thomson e First Choice previsti la settimana prossima».