22 settembre 2019
Aggiornato 22:00
Difesa | Missione ISAF

La NATO è pronta al «ritiro totale» dall'Afghanistan

Lo ha dichiarato il Segretario generale dell'Alleanza, Anders Fogh Rasmussen dopo che il presidente afgano Hamid Karzai si è rifiutato di firmare l'accordo bilaterale di sicurezza negoziato con gli Stati Uniti

WASHINGTON - La Nato è pronta al «ritiro totale» dall'Afghanistan. L'Alleanza Atlantica ha fatto sapere al governbo di Kabul di essere pronta a «qualsiasi opzione», in mancanza di un accordo sulla presenza di truppe straniere nel Paese dopo il 2014.

Lo ha dichiarato il Segretario generale dell'Alleanza, Anders Fogh Rasmussen dopo che il presidente afgano Hamid Karzai si è rifiutato di firmare l'accordo bilaterale di sicurezza negoziato con gli Stati Uniti, preferendo lasciare la ratifica al suo successore che non verrà eletto prima del prossimo aprile.

Washington e Bruxelles auspicano il mantenimento di un contingente di non oltre 12mila effettivi destinato a condurre l'addestramento delle forze regolari afgane e delle missioni antiterrorismo.