23 settembre 2020
Aggiornato 04:30
Stati Uniti

L'ex Navy Seal che sconvolge l'America: «Ora sono transgender»

Ha servito gli Stati Uniti per 20 anni operando nelle zone di guerra più pericolose. Adesso Chris Back, ex membro decorato del «Seal Team Six», lo stesso corpo di élite dei Navy Seal che ucciso Osama bin Laden, ha deciso di rivelare la sua nuova identità di transgender

NEW YORK - Ha servito gli Stati Uniti per 20 anni operando nelle zone di guerra più pericolose. Adesso Chris Back, ex membro decorato del «Seal Team Six», lo stesso corpo di élite dei Navy Seal che ucciso Osama bin Laden, ha deciso di rivelare la sua nuova identità di transgender. Il suo nuovo nome è Kristen e nel libro «Warrior Princess», scritto insieme alla psichiatra Anne Speckhard, racconta la sua transizione verso il nuovo sesso.

ATTIVISTA PER I DIRITTI - «Da sempre voleva essere una ragazza e ha consolidato la sua identità già quando era bambino», ha detto Speckhard all'emittente americana Abc. Così dopo aver lasciato l'esercito nel 2011 (un mese prima dell'uccisione dello sceicco del terrore) ha tagliato la sua lunga barba e ha deciso di iniziare il passaggio verso il nuovo sesso. «Per anni Chris ha spento la sua sessualità vivendo come un guerriero, consumato dalle spedizioni militari e vivendo in modo asessuale», si legge nel libro.
Adesso Chris ha deciso di uscire allo scoperto e di promuovere il suo libro diventando un'attivista per i diritti. I transgender non possono arruolarsi nell'esercito americano e non sono stati inclusi nella recente revisione della legge 'Don't Ask, Don't Tell' che dopo anni di divieti permette a gay e lesbiche di prestare servizio.