4 aprile 2020
Aggiornato 04:30
Nella provincia cinese di Huangnan

Un altro giovane Tibetano si dà fuoco

Lo ha reso noto l'agenzia di stampa Xinhua senza fornire ulteriori dettagli e identificando la vittima come Dazheng. E' il quarto caso in una settimana

PECHINO - Un giovane tibetano si è dato fuoco nella provincia cinese di Huangnan: lo ha reso noto l'agenzia di stampa Xinhua senza fornire ulteriori dettagli e identificando la vittima come Dazheng.
Si tratta del quarto caso in una settimana: un altro tibetano, il 19enne Libong Terin, è deceduto ieri per le ferite riportate mentre altri due persone si sono immolate lunedì e martedì nella stessa provincia, dove vive una numerosa comunità tibetana.

Sono ormai una settantina dal marzo del 2011 le persone di origine tibetana, soprattutto monaci e monache buddisti, che hanno scelto di immolarsi in luoghi pubblici per protestare contro la dominazione cinese del Tibet.
All'inizio queste forme di protesta avvenivano prevalentemente nella provincia occidentale del Sichuan. Il Dalai Lama ha più volte condannato le immolazioni - ritenute da molti buddisti contrarie alla loro fede - ma ha accusato le autorità cinesi di esserne responsabili.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal