30 ottobre 2020
Aggiornato 14:30
Nel mirino persone di colore, asiatici e ispanici

Crisi greca, l'Ambasciata americana avverte i turisti: in aumento le aggressioni razziste

L'ambasciata degli Stati Uniti in Grecia ha esortato i cittadini americani in viaggio nel Paese a guardarsi da una recrudescenza di aggressioni razziste che le Ong imputano al partito neo-nazista Alba Dorata

ATENE - L'ambasciata degli Stati Uniti in Grecia ha esortato i cittadini americani in viaggio nel Paese a guardarsi da una recrudescenza di aggressioni razziste che le Ong imputano al partito neo-nazista Alba Dorata. «C'è stato un aumento delle aggressioni contro persone che per il colore della pelle sono percepite come immigrati», si legge in un aggiornamento della pagina di «sicurezza» destinata ai turisti americani in Grecia. Le persone «in pericolo» sono soprattutto quelle di origini africane, asiatiche, ispaniche e medio orientali, prosegue il testo.

Questa raccomandazione, inedita per la Grecia, è stata pubblicata sei mesi dopo l'elezione per la prima volta di un partito neo-nazista, Chryssi Avghi, al Parlamento con 18 deputati sui 300 dell'Assemblea.
Per numerose Ong, questo partito sarebbe all'origine dell'aumento recente degli attacchi razzisti contro gli immigrati nel Paese. Diversi immigrati residenti in Grecia hanno dichiarato negli ultimi mesi di essere stati aggrediti per strada o anche a casa mentre gli imprenditori immigrati subiscono pressioni per chiudere i loro negozi.