4 giugno 2020
Aggiornato 07:00
Obama vs Romney

Elezioni USA, i consigli di Michelle e Ann

Nervosismo, consigli e piccoli trucchi: è quanto hanno rivelato Michelle Obama e Ann Romney alla Cnn nella doppia intervista che verrà trasmessa questa sera, poche ore prima del dibattito tra i rispettivi mariti, candidati alla Casa Bianca

WASHINGTON - Nervosismo, consigli e piccoli trucchi: è quanto hanno rivelato Michelle Obama e Ann Romney alla Cnn nella doppia intervista che verrà trasmessa questa sera, poche ore prima del dibattito tra i rispettivi mariti, candidati alla Casa Bianca.

Michelle: Barack non ha bisogno di molti consigli - «I dibattiti mi rendono nervosa - ha ammesso Michelle - sono come quei genitori che guardano i propri figli in equilibrio sulla sbarra. Stai lì cercando di non farlo vedere, di rimanere inespressiva». La first lady ha quindi rivelato di non dare consigli al marito prima del dibattito, ma «incoraggiamenti positivi» al termine del confronto: «Non ha bisogno di molti consigli. É un bravo oratore, per questo gli dico di divertirsi, rilassarsi ed essere se stesso».

Ann: Mitt deve seguire il suo istinto - Ann Romney ha invece rivelato che il marito, «non appena sale sul palco, si toglie l'orologio, quindi scrive 'papà' su un pezzo di carta, e questo è meraviglioso, perchè lui ama suo padre, lo rispetta. Non farebbe nulla che non rendesse orgoglioso il padre... poi guarda tra il pubblico e mi vede. Deve sapere dove sono. Gli basta questo e poi, a ogni risposta, mi guarda per sapere 'Andava bene? Era okay?'». Anche Ann Romney, come Michelle, consiglia al marito solo «di seguire il suo istinto e di fidarsi di questo».

Donne, vantaggio Obama su Romney come su McCain nel 2008 - A un mese dalle elezioni, il vantaggio del presidente americano su Mitt Romney tra le donne equivale al margine che Obama aveva nel 2008 nei confronti dello sfidante John McCain.
Il 56 per cento delle donne, secondo l'ultimo sondaggio condotto dalla Quinnipiac University, sostiene Obama, contro il 38 per cento schierato con romney. Un solo punto di differenza rispetto al distacco del 2008, quando, secondo un sondaggio condotto nello stesso periodo dal Pew Research Center, il 54 per cento dell'elettorato femminile era con Obama e il 37 per cento con McCain.
Per quanto riguarda il totale degli elettori, invece, il vantaggio di Obama è inferiore rispetto a quattro anni fa. La media dei sondaggi dà il presidente in vantaggio con 49 punti contro 46, mentre nel 2008 aveva un vantaggio più marcato, 49 contro 42.
Romney, infine, è il preferito tra gli uomini, come McCain nel 2008, ma in modo più incisivo. Rispetto al presidente, infatti, ha un vantaggio di dieci punti tra i maschi, mentre McCain staccava Obama di soltanto quattro punti.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal