7 dicembre 2019
Aggiornato 22:30

Romney vince le primarie a Porto Rico

Secondo i primi risultati, l'ex governatore del Massachusetts avrebbe ottenuto oltre l'80% delle preferenze. Santorum si ferma solo all'8% delle preferenze. Intanto Obama ha raccolto 45 milioni di dollari a febbraio per la rielezione

SAN JUAN - Il favorito all'investitura repubblicana per le presidenziali del 2012 negli Stati Uniti, Mitt Romney, ha vinto nettamente le primarie organizzate ieri a Porto Rico. Secondo i primi risultati, l'ex governatore del Massachusetts avrebbe ottenuto oltre l'80% delle preferenze.
Il suo principale rivale Rick Santorum non è andato oltre l'8% dei voti, piazzandosi davanti a Newt Gingrich (2,1%) e Ron Paul (1,2%).
Romney ha rivendicato la vittoria ed ha spiegato che «con una popolazione superiore a quella di 22 stati, l'isola contribuisce a pieno titolo alla vitalità» degli Stati Uniti.
L'ex governatore del Massachusetts dispone attualmente di 496 delegati mentre Santorum è fermo a quota 236.

Sondaggio Illinois, Romney ha 15 punti di vantaggio - Mitt Romney avrebbe un largo vantaggio in Illinois, dove domani si svolgeranno le primarie repubblicane. Secondo l'ultimo sondaggio di Ppp (Public policy polling), l'ex governatore del Massachusetts godrebbe dei favori del 45% degli elettori; solo il 30% si è espresso a favore di Rick Santorum, il rivale più pericoloso nella corsa alla nomination del Gop (Grand old party). Newt Gingrich e Ron Paul avrebbero, rispettivamente, il 13 e il 10% delle preferenze.
Secondo il sondaggio, Romney sarebbe in largo vantaggio nelle città (46% a 23%) e nelle aree suburbane (50% a 29%): una costante nello scontro tra il candidato moderato e quello conservatore.

Obama, 45 milioni raccolti a febbraio per la rielezione - Barack Obama ha raccolto 45 milioni di dollari per la sua campagna elettorale nel mese di febbraio. Finora, il presidente americano ha ottenuto 300 milioni per la sua rielezione, secondo quanto riferito dal suo staff.
Lo scorso mese, Obama ha intensificato gli eventi di raccolta fondi, attirando le critiche dei repubblicani, secondo cui è ormai più un candidato alla Casa Bianca che il presidente in carica; nel trimestre finale del 2011, aveva raccolto in media 23 milioni di dollari al mese; a gennaio, 29,1 milioni.
Nel mese di febbraio, quasi 350.000 persone hanno donato un contributo; in totale, il 98% delle donazioni è stato finora inferiore ai 250 dollari; il singolo contributo, in media, di 59 dollari.
La scorsa settimana, invece, Obama ha partecipato a diversi eventi a Chicago e Atlanta, dove è stato ospite del produttore cinematografico Tyler Perry. Tra le personalità presenti, anche la star della tv Oprah Winfrey, una delle prime e delle più impegnate a sostegno di Obama quattro anni fa, per cui il presidente ha avuto parole di ringraziamento: «Oprah mi ha aiutato a diventare presidente: come per i libri e la crema per la pelle» ha scherzato Obama «quando Oprah decide che le piaci, piaci anche agli altri».