27 febbraio 2021
Aggiornato 19:30
Iran | Legislative 2012

Iran, il futuro Parlamento sarà contro Ahmadinejad

Il «Fronte unito dei conservatori», che fa capo al presidente del parlamento uscente Ali Larijani è in testa, in particolare a Teheran, dove ottiene 14 seggi contro i 10 del Fronte di stabilità della Rivoluzione Islamica, che sostiene il presidente Ahmadinejad

TEHERAN - Il nuovo parlamento iraniano sarà ampiamente dominato dalle forze conservatrici critiche nei confronti del presidente Mahmoud Ahmadinejad, secondo i risultati dello spoglio di circa due terzi delle schede.

I risultati completi e definitivi sono previsti per domani - Il «Fronte unito dei conservatori, che fa capo al presidente del parlamento uscente Ali Larijani è in testa, in particolare a Teheran, dove ottiene 14 seggi contro i 10 del Fronte di stabilità della Rivoluzione Islamica, che sostiene il presidente Ahmadinejad.
Un'altra coalizione conservatrice critica nei confronti del presidente, il Fronte della resistenza guidato dall'ex capo dei Guardiani della Rivoluzione, Mohsen Rezai, potrebbe realizzare un buon risultato in provincia.
Come previsto i riformatori, che hanno deciso di boicottare il voto di venerdì, resteranno praticamente assenti dal futuro Majlis, il parlamento iraniano.