31 luglio 2021
Aggiornato 03:30
Nove giorni di astinenza dal video

Mistero su Gheddafi: è sparito da nove giorni

Voci dalla capitale: «Forse il leader libico è rimasto ferito o ucciso nei raid»

TRIPOLI - Nove giorni di astinenza dal video sono sufficienti per avanzare dubbi, alimentare il sospetto. E se si aggiungono le indiscrezioni rilanciate da ambienti diplomatici a Tripoli, allora l'assenza di Muamamr Gheddafi dal video - secondo il quotidiano La Stampa - diventa un giallo. «che fine ha fatto il colonnello? E' vivo? O è rimasto ucciso o gravemente ferito dai bombardamenti della Nato?» si legge sul quotidiano torinese.

I sospetti hanno la loro origine nella notte dei bombardamenti a Tripoli in cui è rimasto ucciso Saif al Araba, uno dei figli del colonnello. «Quella notte ci hanno portati in quella casa», ha spiegato un ambasciatore straniero a Tripoli, citato dalla Stampa. «Era tutto distrutto. La Nato ha utilizzato delle bombe speciali, di quelle che creano una violentissima pressione in orizzontale. Insomma, è difficile sopravvivere agli effetti di quelle bombe, ha aggiunto.
Nel raid è rimasto ucciso Saif al Arab, ma nessuno ha potuto identificare con precisione il cadavere. «Era troppo sfigurato», ha spiegato da parte sua il vicario apostolico di Tripoli, monsignor Giovanni Martinelli.