28 febbraio 2020
Aggiornato 07:00
Giappone

Ingresso vietato in area di 20 km attorno Fukushima

«Enormi rischi per la salute»: stabilita zona di interdizione

TOKYO - L'area nel raggio di evacuazione di 20 chilometri attorno alla centrale nucleare di Fukushima è stata riclassificata come zona di interdizione, a ingresso vietato, al fine di evitare rischi per la sanità pubblica: lo ha annunciato oggi il governo giapponese.

Il primo ministro Naoto Kan si è recato oggi in visita alla regione in cui sorge la centrale gravemente danneggiata dal terremoto dello scorso 11 marzo. Circa 80.000 persone sono state evacuate nelle scorse settimane nel raggio di 20 chilometri da Fukushima.

«Abbiamo chiesto ai residenti di non entrare in questa zona perché c'è un enorme rischio per la loro salute», ha detto il portavoce del governo Yukio Edano. «Oggi abbiamo deciso di classificarla come 'zona in stato d'emergenza' in virtù delle leggi sulle catastrofi», ha aggiunto.