18 settembre 2019
Aggiornato 00:30
Il viaggio in Inghilterra

Pedofilia, il Papa: ora la Chiesa ha imparato la lezione

Benedetto XVI: «Inadeguatezza in passato. I ragazzi abusati anche nel resto della società»

LONDRA - La Chiesa in passato ha affrontato in modi «spesso inadeguati» il «vergognoso abuso di ragazzi e di giovani» da parte dei preti: lo afferma il Papa che, rivolgendosi ai vescovi britannici nell'ultimo giorno del suo viaggio nel Regno Unito, li invita a condividere la «lezione appresa» con «la società più ampia», dove, pure fuori dalla Chiesa, si trovano ragazzi che soffrono per gli abusi.

TRASPARENZA - «So bene che avete fatto passi molto seri per portare rimedio a questa situazione, per assicurare che i ragazzi siano protetti in maniera efficace da qualsiasi danno, e per affrontare in modo appropriato e trasparente le accuse quando esse sorgono», ha detto Benedetto XVI ai vescovi incontrati a Birmingham. «Avete pubblicamente fatto conoscere il vostro profondo dispiacere per quanto accaduto e per i modi spesso inadeguati con i quali, in passato, si è affrontata la questione. La vostra crescente comprensione dell'estensione degli abusi sui ragazzi nella società, dei suoi effetti devastanti, e della necessità di fornire adeguato sostegno alle vittime, dovrebbe servire da incentivo per condividere, con la società più ampia, la lezione da voi appresa».
«Quale via migliore potrebbe esserci se non quella di fare riparazione per tali peccati avvicinandovi, in umile spirito di compassione, ai ragazzi che soffrono anche altrove per gli abusi? Il nostro dovere di prenderci cura della gioventù esige proprio questo e niente di meno».