21 settembre 2019
Aggiornato 23:00
Afghanistan

Kabul al voto tra gli attacchi

Ieri 14 vittime dei talebani. E per oggi è atteso il rientro della salma del tenente Alessandro Romani

KABUL - Quattro afgani su 10 hanno votato ieri in Afghanistan per rinnovare il Parlamento, nonostante gli attacchi dei talebani costati la vita a 14 persone. Erano oltre 10 milioni gli elettori chiamati a scegliere tra più di 2.500 candidati i 249 membri dell'Assemblea nazionale (Wolesi Jirga), di cui 68 riservati alle donne. A urne chiuse, la Commissione elettorale indipendente ha fatto sapere che l'affluenza è stata del 40%. I risultati definitivi non si conosceranno prima del 31 ottobre, anche se la futura composizione dell'Assemblea non cambierà molto la fisionomia di un Paese in cui il presidente Hamid Karzai concentra nelle sue mani tutto il potere.

Attaccato nuovamente anche il contingente italiano: sono stati sparati colpi di kalashnikov e razzi contro dei militari italiani impegnati a Bala Murghab e Bala Baluk. Non si registrano comunque né feriti né danni per gli alpini, che hanno risposto al fuoco usando i mortai.
E per oggi è atteso il rientro della salma del tenente Alessandro Romani,effettivo al Nono Reggimento Paracadutisti Col Moschin, morto venerdì a seguito delle ferite riportate in un attentato avvenuto sempre nella provincia di Farah. Domani la camera ardente e, nel pomeriggio, i funerali nella basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma.