16 luglio 2019
Aggiornato 02:00
Per l'Italia ci sarà il ministro degli Esteri Franco Frattini

Kabul blindata per la cerimonia d'insediamento di Karzai

Parrugliamenti e checkpoint anche fuori città: 800 gli invitati

KABUL - Ci sono pattuglie ad ogni angolo, controlli a tappeto e piani di evacuazione segreti. Kabul è pronta per la cerimonia di investitura di Hamid Karzai alla presidenza dell'Afghanistan e si presenterà domani blindata più che mai. Sono circa 800 gli invitati in rappresentanza di 42 paesi, e fra essi 300 ministri, funzionari e diplomatici stranieri. Hillary Clinton ha annunciato la sua partecipazione: il segretario di Stato è già arrivato nel paese asiatico, dove ha in agenda anche una serie di incontri a margine della cerimonia. Per l'Italia ci sarà il ministro degli Esteri Franco Frattini.

La grande attesa è tutta per il discorso programmatico di Karzai, che dovrebbe confermare il suo impegno forte nella lotta alla corruzione. La cerimonia si svolgerà all'interno del palazzo presidenziale: la sicurezza attorno all'edificio è stata rafforzata e controlli severi sono previsti anche per le delegazioni che assisteranno all'evento.

Il governo, intanto, ha dichiarato la giornata di domani festività nazionale ed ha chiesto ai civili di restare a casa per non intasare le strade e agevolare l'afflusso dei cortei dall'aeroporto internazionale della capitale. Allo scalo di Kabul, per l'occasione, verranno cancellati tutti i voli civili.

Forti restrizioni alla circolazione sono state imposte anche ad alcune aree all'estrema periferia di Kabul: alcune sono state completamente chiuse al traffico, fatta eccezione per le ambulanze e i mezzi di soccorso. Il colonnello Sanam Gul, comandate del Quarto Battaglione dell'esercito afgano ha confermato che le sue truppe, al fianco di quelle americane, saranno impegnate in posti di blocco e pattugliamento in tutta la città: le misure antiterrorismo prevedono anche perquisizioni a sorpresa di auto e mezzi sospetti diretti dalla periferia al centro della capitale.

«Il nemico sta provando a entrare a Kabul per rovinare la cerimonia di insediamento», ha detto l'ufficiale afgano. «Abbiamo rafforzato la sicurezza dentro e attorno Kabul, e fuori dalla città», ha confermato.