29 marzo 2020
Aggiornato 21:30
Esteri. Crisi libanese

La Russa: «Nessuna riduzione unilaterale delle truppe in Libano»

Il Ministro della Difesa: «Semmai andrà decisa con parti coinvolte»

TEL AVIV - L'Italia non procederà «mai unilateralmente» a una riduzione del proprio contingente in Libano, senza aver prima concordato la decisione con tutti gli organismi e le parti interessate. È quanto ha detto oggi il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, che è stato ricevuto a Tel Aviv dal suo omologo israeliano, Ehud Barak.

«Gli ho assicurato che da parte nostra non ci sarà mai unilateralmente neanche una diminuzione delle truppe decisa senza l'adesione e il concorso degli organismi internazionali e delle altre parti interessate», ha confermato La Russa ai giornalisti al termine dell'incontro.

Il ministro ha quindi sottolineato come da parte israeliana siano giunti nuovi «elogi» e «l'apprezzamento per i nostri soldati e il generale Claudio Graziano» in Libano. «Questo ormai è un ritornello molto gradevole», ha aggiunto La Russa.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal