21 ottobre 2020
Aggiornato 01:30
Automotive

Decreto Rilancio: incentivi, rilancio del settore e rinnovamento del parco auto esistente

Con i nuovi incentivi il 17% tra chi non intende acquistare entro l'anno una vettura potrebbe cambiare idea e valutare una vettura nuova e il 31% usata. Sette su dieci disposti a spendere oltre 10mila euro

Consegna chiavi per acquisto vettura
Consegna chiavi per acquisto vettura Ufficio Stampa

In questi giorni il tema degli incentivi per il rilancio del settore automotive e per il rinnovamento del parco auto circolante è al centro del dibattito mediatico. Per alcuni operatori del settore l’ecobonus previsto nel caso di acquisto di vetture con emissioni di CO2 al di sotto di 60 g/km, come le auto elettriche e alcune ibride, potrebbe non essere sufficiente a far ritornare il settore ai livelli pre Covid-19.

Tanti si domandano se l’ampliamento degli incentivi anche ad altri segmenti e motorizzazioni di nuova generazione ma con livelli di CO2 un po’ più alti possa spingere realmente la domanda.

Risultati della ricerca

Secondo il Centro Studi di AutoScout24, il principale portale in Europa di annunci di auto e moto, che ha condotto una ricerca sui propri utenti, il 17% del campione che ha dichiarato di non voler acquistare una vettura entro l’anno potrebbe cambiare idea se solo ci fossero incentivi adeguati per l’acquisto di un’auto nuova e ben il 31% si orienterebbe su una di seconda mano e con una classe di emissione recente qualora gli incentivi fossero previsti anche per questa tipologia di vettura.

Quali sono gli incentivi che farebbero cambiare idea? In assoluto si posiziona al primo posto quello prettamente economico, indicato dal 69% degli intervistati, seguito dall’incentivo legato alla riduzione delle tasse, come il bollo (26%). Numeri importanti che potrebbero realmente dare una spinta al settore nella fase delicata del post lockdown, dato che sette su dieci avrebbe un budget di spesa di oltre 10mila euro, e per quasi un quarto (23%) superebbe i 25mila euro.

La ricerca ha posto l’attenzione anche sugli elementi a cui consumatori prestano maggiore attenzione prima di acquistare una vettura. Il concetto di «reputazione digitale» e «rating» si confermano elementi fondamentali in grado di influenzare la scelta degli italiani, dato che oltre la metà valuta prima di tutto la recensione on-line sull’auto e il 28% quella sul rivenditore.

«La ricerca di AutoScout24 ha confermato come gli incentivi possano essere uno strumento utile per spingere le vendite e supportare il rilancio del settore, un comparto chiave per il nostro Paese - afferma Sergio Lanfranchi, Centro Studi AutoScout24 - L’auto, da sempre espressione di libertà e autonomia, si conferma parte importante della vita tutti i giorni e il mezzo che più di altri verrà utilizzato nei prossimi mesi per i propri spostamenti. Se da un lato l’interesse per l’acquisto di una vettura nuova o usata resta alto, dall’altro si vede come incentivi adeguati possano realmente convincere anche i più scettici a sostituire l’auto con modelli più recenti, con benefici in termini di ringiovanimento del parco circolante italiano e maggiore sicurezza per gli automobilisti. Un mercato, che se correttamente incentivato, darebbe un’ulteriore spinta alla ripresa del settore visto che oltre il 75% degli intervistati che ha acquistato negli ultimi 5 anni un’auto nuova o usata si è rivolto ai rivenditori.»