6 dicembre 2019
Aggiornato 21:30
Made in Italy

Missione negli USA per i vini Frascati

Per la prima volta le denominazioni del Consorzio di Tutela (Frascati Doc, Frascati Superiore Docg, Cannellino di Frascati Docg) sbarcano negli USA con un'attività di promozione in programma il 26 e il 28 ottobre a Chicago e San Francisco.

Missione negli USA per i vini Frascati
Missione negli USA per i vini Frascati ANSA

CHICAGO - Missione in America per i vini Frascati: per la prima volta le denominazioni del Consorzio di Tutela (Frascati Doc, Frascati Superiore Docg, Cannellino di Frascati Docg) sbarcano negli Usa con un'attività di promozione che prevede la presentazione del marchio collettivo DO Frascati attraverso seminari informativi, workshop commerciali, degustazioni guidate ed incontri B&B all'interno del Simply Italian Great Wines Us Tour, in programma il 26 e il 28 ottobre a Chicago e San Francisco.

Presentati i primi dati di vendemmia 2015

L'iniziativa, rientrante in un quadro di politiche nazionali e internazionali del Consorzio di Tutela Denominazioni Vini Frascati, ha l'obiettivo di offrire un'opportunità commerciale alle aziende del consorzio in un mercato che oggi si è consolidato come la prima metà dell'export vinicolo italiano con una quota pari al 3,2% del totale del vino importato. La strategia commerciale rientra nell'ambito del progetto Ocm Internazionalizzazione di Federdoc.
Nell'occasione, verranno anche presentati i primi dati di vendemmia 2015 del Frascati con una produzione stimata riferita alle tre denominazioni (Frascati Doc, Frascati Superiore Docg, Cannellino di Frascati Docg) che cresce in media di un 10% rispetto al 2014. Ad oggi il Consorzio, riconosciuto Erga Omnes dal Ministero per le Politiche agricole, alimentari e forestali (Mipaaf), è composto da circa 500 viticoltori e una trentina di aziende vitivinicole di cui la maggior parte a filiera corta. La superficie investita è di circa 1100 ha di cui 83% Frascati Doc, 15% Frascati Superiore e 2% Cannellino di Frascati. La produzione di uve è di circa 125.000 qli, mentre la produzione di vino potenziale è pari a 87.000 hl.

Al via progetto Wine Soul

Trasformare i suoni del vino in musica: questo è l'obiettivo di «Wine Soul» il progetto promosso da Unica Comunicazione da oggi on line su Kickstarter, la più grande piattaforma mondiale di raccolta fondi collettiva. È partito il conto alla rovescia, 60 giorni per raccogliere 55.000 euro in tutto il mondo, fra wine lovers, musicisti, appassionati e semplici sostenitori dell'innovatività dell'idea.
Per presentare il progetto è stato realizzato un videomessaggio a cura di Andrea Marchi, girato fra le vigne e le cantine del Lago di Garda e della Valpolicella. I protagonisti non sono attori professionisti ma gli stessi volti dell'agenzia e amici che credono nell'originalità di «Wine Soul». Donare su kickstarter è semplicissimo e il contributo dei «bakers» viene effettivamente addebitato solo nel momento in cui si riesce a raggiungere l'obiettivo economico finale. Un solo euro può essere sufficiente per dare un supporto al progetto, uno fra i pochissimi italiani presenti, ed aiutarlo ad emergere fra le migliaia in cerca di finanziamento (sono 600 solo nella categoria «musica»).
Due le tracce già on line, «Bottling machine with strigs» brano con archi realizzato per enfatizzare il suono di una imbottigliatrice, oppure «Knocking on the barrique» brano creato con percussioni su botti di varie dimensioni. Il CD di «Wine Soul» sarà disponibile da gennaio 2016.