19 agosto 2019
Aggiornato 00:00
L'attore sceso in strada a pulire

Ama plaude a Gassmann e promette di fare di più

Il presidente Ama spiega che l'azienda «sta lavorando per migliorare ulteriormente il servizio come dimostrano anche le operazioni di fondamentale importanza avviate ad agosto»

ROMA (askanews) - «Desidero rivolgere un ringraziamento e un plauso ad Alessandro Gassmann. Auspico che anche i tanti romani che, come Gassmann, amano la propria città accolgano il suo esempio. Il modo migliore per tenere pulita Roma è non sporcarla. Ovviamente questo non esime Ama dal fare il proprio dovere e, quindi, a rispondere al meglio alle esigenze della nostra bellissima città. Cosa che, peraltro, Ama è impegnata a fare tutti i giorni». Così spiega in una nota il Presidente di Ama, Daniele Fortini.

Presto spazzini all'opera
«I 300 spazzini di quartiere saranno presto e gradualmente tutti all'opera entro la fine di settembre come annunciato più volte. I primi 100 saranno operativi nella settimana della riapertura delle scuole divisi su tre turni per presidiare h24 alcune delle zone più frequentate dai cittadini e dai turisti», continua Fortini.

Le 4 operazioni fondamentali
Il presidente Ama spiega poi che l'azienda «sta lavorando per migliorare ulteriormente il servizio come dimostrano anche le 4 operazioni di fondamentale importanza avviate ad agosto: il lavaggio intensivo stradale con 35 itinerari sulle grandi arterie e le vie a maggior densità pedonale; la pulizia e lo spazzamento delle aree esterne di 1.199 scuole romane; il diserbo meccanizzato per eliminare le erbe infestanti dai bordi di strade e marciapiedi di numerose vie e piazze cittadine; l'intensificazione degli interventi volti a limitare i disagi causati dalla caduta delle foglie, che in questo periodo sono cadute in modo eccezionale». Ama «sta dunque rimodulando i suoi servizi anche in previsione del prossimo Giubileo. Ai tanti romani innamorati della propria città come Gassmann, chiediamo tutto il sostegno possibile per aiutarci a garantire il decoro di Roma, la città più bella del mondo».

Lo dichiara in