19 settembre 2019
Aggiornato 17:00
L'azienda è stata scelta per dare energia pulita al Global Citizen 2015 Earth Day

Building Energy, un'italiana illumina l'Earth Day di Washington

E' la prima volta che una società italiana viene scelta per un incarico così importante a livello internazionale nel campo delle rinnovabili. Il gruppo milanese ha realizzato un impianto fotovoltaico temporaneo che ha contribuito a ridurre di 208 chili le emissioni di CO2

WASHINGTON - È la prima società italiana ad essere scelta per un incarico così importante. Si tratta di Building Energy, azienda milanese attiva nella produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia e all'estero, che oggi se ne torna a casa con un grandissimo riconoscimento: all'azienda è stato chiesto infatti di alimentare (è la prima volta per un'italiana) il Global Citizen 2015 Earth Day di Washington con energia pulita, contribuendo così alla riduzione delle emissioni di CO2 della manifestazione.

REALIZZATA LA BUILDING ENERGY SMART SYSTEMS UNIT - Building Energy ha costruito un impianto fotovoltaico sul National Mall di Washington, accanto al Washington Monument, che ha permesso di alimentare parzialmente l'Earth Day con energia rinnovabile. L'impianto fotovoltaico realizzato, la Building Energy Smart Systems Unit, è temporaneo e sviluppato su una superficie di 300 metri quadri, pari alle dimensioni di un campo da basket, e ha contribuito a ridurre di 208 chili le emissioni di CO2 dell'evento. La presenza di Building Energy all'evento è nata dalla recente partnership siglata con Connect4Climate, comunità globale lanciata nel 2011 dal Gruppo World Bank in accordo con il ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per aumentare a livello mondiale la consapevolezza sul tema dei cambiamenti climatici. Ad oggi è anche l'unica azienda italiana operante nel settore delle energie rinnovabili ad essere annoverata tra i partner di Connect4Climate, tra i quali spiccano organizzazioni delle Nazioni Unite, importanti università e ong.

BAN KI-MOON E GLI ALTRI SEDOTTI -L'iniziativa promossa da Building Energy ha attratto l'interesse di tanti personaggi illustri del panorama politico internazionale e del mondo dello spettacolo presenti alla manifestazione, tra cui il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, il Presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim, il direttore Operativo del Fondo Monetario Internazionale Christine Lagarde, il Segretario dell'Energia degli Stati Uniti Ernest Moniz e l'attore e produttore cinematografico Don Cheadle. L'azienda ha anche ricevuto uno speciale ringraziamento da parte dei vertici di GPP che, davanti alle 400mila persone presenti all'evento e ai milioni di spettatori connessi da tutto il mondo, hanno sottolineato l'importante contribuito energetico fornito all'evento dal loro impianto solare costruito sul Washington Mall. "E' stato un onore poter supportare l'Earth Day, la più celebre manifestazione al mondo in tema di salvaguardia ambientale del pianeta. Ringraziamo il nostro partner Connect4Climate per averci offerto questa splendida opportunità – ha dichiarato Fabrizio Zago, CEO di Building Energy –. L'unione tra Building Energy, Connect4Climate e World Bank Group rappresenta anche un segno tangibile del nostro impegno a favore dell'ambiente e delle generazioni future, e siamo orgogliosi di aver celebrato il 45esimo anniversario dell'Earth Day alimentando il National Mall di Washington con energia solare e contribuendo a ispirare il cambiamento".