11 dicembre 2019
Aggiornato 01:30
Torna la pura sui mercati

A picco la borsa, vola lo spread

Le borse colano a picco, mentre è incessante la pressione sui titoli di Stato dei paesi periferici dell'Eurozona. Effetti negativi anche sui titoli di Stato italiani che soffrono i ribassi del contratto Future sul Btp. Dopo un'apertura a 167 punti, lo spread Btp-Bund si è allargato a 190 punti con il rendimento del decennale salito al 2,63.

ROMA - Incessante la pressione sui titoli di Stato dei paesi periferici dell'Eurozona. Effetti negativi anche sui titoli di Stato italiani che soffrono i ribassi del contratto Future sul BTP. Dopo un'apertura a 167 punti, lo spread Btp-Bund si è allargato a 190 punti con il rendimento del decennale salito al 2,63.

TUTTE LE BORSE EUROPEE IN PICCHIATA - Ancora una giornata di forti turbolenze sui mercati finanziari. Le borse europee sono di nuovo in picchiata dopo aver tentato un rimbalzo all'apertura delle negoziazioni. A guidare i ribassi oggi non è la borsa di Atene, che accusa un calo del 2,25%. La pressione delle vendite si concentra su Madrid e Milano. L'indice Ftse Mib lascia sul terreno il 3,45% con una pioggia di vendite sul comparto dei banzari. Sulla stessa linea l'Ibex 35 di Madrid con un tonfo del 3,35%. La pressione sui mercati riflette l'impennata degli spread sui paesi della periferia euro. Il differenziale tra Btp e Bund è schizzato a 200 punti con il rendimento del decennale italiano al 2,75%, lo spread dei Bonos spagnoli balza a 170 punti con un rendimento al 2,41% rispetto a poco più del 2% di martedì. Effetto valanga sulle altre borse del vecchio continente. A Parigi l'indice Cac-40 accusa uno scivolone del 3%, Francoforte cede il 2,10% e soffre anche la City con un -2%.

TITOLI TEDESCHI: UNICO PORTO SICURO - La crescente avversione al rischio aumenta l'appetito degli investitori per i «porti sicuri». Tra gli approdi più gettonati il debito pubblico tedesco. E' caccia grossa al Bund decennale, il cui rendimento è sceso al nuovo minimo storico di 0,73%, mentre il rendimento del Btp italiano è salito al 2,44%, mentre si allarga la forbice dello spread. Torna la tensione sul mercato dei titoli di Stato con gli spread dei paesi periferici sotto pressione mentre il Bund tedesco tocca nuovi minimi storici in fatto di rendimenti. Dopo che ad innescare le fibrillazioni sul mercato finanziario internazionale è stato il report dell'agenzia di rating Fitch sullo stato di salute delle banche greche, ancora gravate da consistente fardello di crediti, il decennale della Grecia ha visto il rendimento schizzare a oltre il 7,82% dal 7% della chiusura di ieri con lo spread rispetto al Bund che si è allargare a 686 punti.