24 ottobre 2020
Aggiornato 18:30
Proposte anti-crisi

La ricetta di Brunetta: abbassare i tassi e aumentare l'inflazione

Il capogruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati, in un editoriale pubblicato da Il Giornale, propone la sua ricetta per uscire dalla crisi e far ripartire l'economia italiana: Draghi dovrebbe tenere bassi i tassi d'interesse e scongiurare il rischio di deflazione.

ROMA - «Il valore della moneta unica europea è in diminuzione in quanto, da un lato, è in aumento la domanda di attività finanziarie denominate in dollari a seguito dell'annuncio della banca centrale americana, la Federal Reserve, di una imminente stretta monetaria. Dall'altro lato, al contrario, la Banca centrale europea manterrà bassi ancora a lungo i tassi d'interesse dell'area euro, e si appresta a varare nuove e straordinarie misure espansive di politica monetaria nei prossimi mesi». Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un editoriale pubblicato da Il Giornale.

PIU' INFLAZIONE E TASSI BASSI PER CRESCERE - «Ne deriva un ampliamento del differenziale atteso dei tassi d'interesse tra Europa e Usa a favore degli Stati Uniti. Inoltre - ha aggiunto - gli ultimi dati disponibili rilevano un peggioramento della bilancia commerciale dell'area euro, determinato in generale dalla cattiva performance economica, in termini di crescita, dei paesi europei, e, più in particolare, dal calo dell' export della Germania nei confronti dei paesi extra-Ue». Per Brunetta, «l'obiettivo principale che deve porsi oggi la Banca centrale europea è duplice: ottenere una consistente riduzione del tasso di cambio dell' euro e alzare il tasso d'inflazione, per evitare l'emergenza di una spirale deflazionistica già iniziata in vari paesi europei. I due obiettivi sono strettamente connessi, perchè la svalutazione dell'euro sembra ormai a molti commentatori l'ultimo strumento per ottenere nel breve periodo, al tempo stesso, un aumento dell'inflazione importata e un aumento della domanda, sia estera sia domestica, di prodotti europei».

LA FED ANNUNCIA UNA STRETTA MONETARIA - «Questo appare, dunque - ha sottolineato l'ex ministro - l'unico modo per riavviare la crescita, in attesa che l'Europa riacquisti un dinamismo competitivo endogeno. Il deprezzamento dell'euro sul dollaro dell'ultima settimana sembra dare una risposta al possibile effetto congiunto dell' espansione monetaria inseguita dal presidente della Bce, Mario Draghi e l'annuncio della fine della stessa politica negli Stati Uniti».