26 febbraio 2021
Aggiornato 07:00
Tendenze

Vino in cartone, aumentano le vendite all'estero

Nel mercato italiano rappresenta solo il 18% ma all'estero (soprattutto in Argentina) le vendite sono cresciute del 3,5%. Tetra Pak presenta le innovazioni legate ai nuovi contenitori, che garantiscono protezione dalla luce, conservazione perfetta e agevolazioni nei trasporti

VERONA - Da 30 anni sulle tavole italiane, il vino in cartone fronteggia la crisi con una quota di mercato nazionale che si avvicina al 18% (rif. totale vino fermo confezionato Doc, Docg, Igp, Igt, Estero, Tavola – Fonti: Euromonitor International/UIV/E&Y/IRI Data). A livello mondiale, le vendite di vino in cartone sono aumentate del 3,5% nel 2013 rispetto al 2012, per un totale di 1,7 miliardi di litri confezionati e una quota di mercato globale del 6%. Argentina, Italia, Russia, Spagna e Germania sono i Paesi dove il vino in cartone è più diffuso (fonte: Tetra Pak Compass).

Alla 48° edizione del Vinitaly il Gruppo Tetra Pak, leader mondiale nelle soluzioni di trattamento e confezionamento degli alimenti, ha presentato con un percorso interattivo guidato da un ologramma l’innovazione racchiusa nei contenitori in poliaccoppiato e le ricadute positive sul vino. Fra queste spiccano la protezione dalla luce, la perfetta conservazione garantita dal tappo a vite, l’infrangibilità e l’efficienza nel trasporto. Basta, infatti, un solo camion di contenitori Tetra Pak® vuoti rispetto ai 23 necessari per trasportare la stessa quantità di confezioni tradizionali vuote.

Negli stand di Tetra Pak a Vinitaly ed Enolitech è stato inoltre mostrato inoltre che il mercato nazionale e internazionale offre oggi un’ampia gamma di vini in cartone con indicazione geografica tipica, come l’argentino Montlaiz Cabernet Sauvignon Shiraz. Sfruttando la varietà di confezioni Tetra Pak®, prima fra tutte Tetra Prisma® Aseptic, il Gruppo è già al lavoro per imbottigliare marchi Igp e punta a ottenere il consenso dei produttori di vini provenienti da territori certificati per viticoltura d’eccellenza.

Le confezioni Tetra Pak® risultano dunque ideali per proteggere il vino e tutelare la filiera in termini qualitativi e ambientali. La combinazione di trattamento e confezionamento asettico, infatti, riduce gli scarti e rende la distribuzione economicamente vantaggiosa: il prodotto finito è pronto per essere spedito in tutto il mondo. Un fattore importante se consideriamo che le esportazioni vanno in controtendenza sul mercato italiano con una crescita del 6,6% nel 2013 (dati Wine Monitor, Nomisma 2013).