30 ottobre 2020
Aggiornato 15:00
L'allarme del Financial Times

Le banche americane si preparano alla spaccatura dell'Euro

Con questo titolo in apertura dell'inserto di Finanza, il Financial Times ripropone visioni allarmistiche sulla crisi dei debiti nell'Unione valutaria. Ma poi ammettere che nei dati Sec non si vedono riscontri netti

NEW YORK - «Le banche americane si preparano a una spaccatura dell'euro»: con questo titolo in apertura dell'inserto di Finanza, il Financial Times ripropone visioni allarmistiche sulla crisi dei debiti nell'Unione valutaria. Lo fa citando fonti anonime secondo cui le banche di Wall Street starebbero manovrando per evitare di «vedersi pagare in dracme o pesetas» in uno scenario di uscita di un paese dall'euro.
In particolare avrebbero esortato clienti e controparti a tentare di ristrutturare, ove possibile, i contratti in modo da mettersi al riparo da eventualità di questo genere.

Nei dati SEC non si vedono riscontri netti - Ma quando si vanno a cercare riscontri oggettivi, le tesi allarmistiche del FT faticano a trovare appigli. Il quotidiano cita anche dati della Securities and Exchange Commission, l'autorità di vigilanza sulla finanza Usa, sull'esposizione delle banche americane ai vari paesi dell'area euro ritenuti a rischio (Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna e Italia). Soltanto che qui il quotidiano deve riconoscere che «nessuna banca ha drasticamente modificato la sua esposizione sui cinque paesi».