22 luglio 2019
Aggiornato 04:00
Presentazione progetto giovedì 26 gennaio, presso Unioncamere del Veneto

EnergyVillab: nasce il network di Living Lab

Per lo sviluppo di fonti di energia rinnovabili e risparmio energetico col coinvolgimento di piccole e medie imprese, distretti produttivi, Università, centri di innovazione, Municipalità e cittadini

VENEZIA - Si chiama EnergyVillab ed è il progetto, di cui Unioncamere del Veneto è capofila e che verrà presentato giovedì 26 gennaio, che mira a creare un network di Living Lab virtuosi (momenti di sperimentazione che portano la ricerca fuori dal laboratorio e nelle dinamiche del mondo reale per fondere l’innovazione tecnologica con quella organizzativa e sociale, in un processo di co-creatività che coinvolge tutti i soggetti partecipanti) legati ad applicazioni per lo sviluppo di fonti di energia rinnovabili e risparmio energetico col coinvolgimento di piccole e medie imprese, distretti produttivi, Università, centri di innovazione, Municipalità e cittadini.

Approvato nell’ambito del Programma per la cooperazione transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, il progetto (conclusione maggio 2014) verrà illustrato il 26 e 27 gennaio in un kick off meeting presso la sede di Unioncamere del Veneto - PST in via delle Industrie 19/C e sarà preceduto da un incontro pubblico dal titolo «Energy Living Lab: un nuovo approccio per la condivisione di uno sviluppo energetico sostenibile», in programma il 26 gennaio dalle 10 alle 13, per presentare le possibilità che il territorio può cogliere dall’attuazione del progetto e le prime realizzazioni pilota previste per Forte Poerio a Mira e nel Comune di Teolo.

EnergyVillab prevede l’avvio di sei iniziative pilota (quattro in Italia e due in Slovenia), nonché la loro messa in rete e il collegamento alla valutazione comparativa dei risultati raggiunti e alla creazione di premesse per una condivisione di politiche transfrontaliere a sostegno degli EnergyVillab e della loro replicabilità nei territori coinvolti.

I partner coinvolti sono CRACA (Centro Regionale di Assistenza per la Cooperazione Artigiana); Università di Padova - Dipartimento di Processi Chimici dell’Ingegneria; Provincia di Treviso; Camera di Commercio di Venezia; ConCentro - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Pordenone; Comune di Jesolo; Comune di Musile di Piave; Fondazione Istituto su Trasporti e la Logistica (ITL) – sede Ravenna; IAL Innovazione Apprendimento Lavoro Friuli Venezia Giulia; UL IRI (Istituto per lo sviluppo dell’innovazione dell’Università di Lubiana); Università di Lubiana; PRC (Centro di Sviluppo della Valle dell’Isonzo); GOLEA (Agenzia Locale per l’Energia della Gori¨ka); UIP (Centro Universitario per lo sviluppo e incubatore universitario del Litorale).