5 dicembre 2019
Aggiornato 22:30
Trasporto marittimo

Angeletti: è un matto chi pensa di far fallire Tirrenia

Il Segretario Generale della UIL: «Il Governo ha un atteggiamento assolutamente inaccettabile. Bene lo sciopero»

ROMA - Lo sciopero dei lavoratori dell'intera flotta di Tirrenia, proclamato per il 30 e 31 agosto dalla Uil trasporti, è necessario poiché il governo sta avendo un «atteggiamento assolutamente inaccettabile». Ad affermarlo il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, il quale aggiunge: «Sperano che siccome è agosto si può liquidare l'azienda, farla fallire e far perdere svariate migliaia di posti di lavoro in silenzio. Sono matti», sottolinea.

Angeletti ha confermato che «c'è un grande sostegno da parte della Confederazione allo sciopero perché siamo in presenza di un atteggiamento da parte del governo assolutamente inaccettabile. Il governo ha fatto una gara per la privatizzazione di Tirrenia che noi abbiamo criticato e per tempo avevamo suggerito come doveva essere fatta. Abbiamo avuto ragione e infatti la gara è andata fallita. Adesso hanno nominato il commissario straordinario per portare l'azienda in liquidazione e questo non ha avuto neanche la decenza di convocare i sindacati».