25 aprile 2024
Aggiornato 06:30
La manovra

Bersani: puntare su evasione fiscale e grandi ricchezze

Il leader del PD: «Accantonare il ponte sullo Stretto o norme sulla protezione civile»

BOLOGNA - Una «vera lotta all'evasione fiscale» e un occhio rivolto in particolare sulle «rendite finanziarie, immobiliari e le grandi ricchezze». E' questo il «contributo straordinario» che il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, chiede al Governo nelle prossime settimane, convinto che alla manovra presentata dal ministro Tremonti «bisogna cambiare i pesi».

Parlando in mattinata all'assemblea provinciale del Pd di Bologna, Bersani chiede di «alleggerire i pesi su lavoro, imprese e famiglia» e soprattutto di accantonare l'idea di progetti «strani» come «il ponte sullo Stretto o le norme sulla protezione civile che ci hanno fatto spendere una barca di soldi per delle ruberie». Occorre - dice - «un po' di riforme: un'altra lenzuolata: presentarsi con una piattaforma di cambiamento».