14 giugno 2024
Aggiornato 12:00
Edilizia scolastica

Carrabs: «Sinergia istituzionale per garantire sicurezza nelle scuole»

Così l’assessore regionale ai Lavori pubblici ha aperto, insieme al collega della protezione civile, Sandro Donati, l’incontro tecnico-politico con gli assessori e tecnici delle quattro province

«Siamo tra le prime regioni d’Italia ad aver completato l’anagrafe dell’edilizia scolastica. Occorre solo il perfezionamento dell’iter amministrativo, attraverso un avallo formale e non sostanziale del ministero della Pubblica istruzione, per rendere ufficiale il censimento realizzato».

Così l’assessore regionale ai Lavori pubblici , Gianluca Carrabs, ha aperto, insieme al collega della protezione civile, Sandro Donati, l’incontro tecnico-politico con gli assessori e tecnici delle quattro province, sottolineando che non siamo all’anno zero, ma che si conosce perfettamente il Dna delle strutture scolastiche. Presenti, tra gli altri, anche i dirigenti regionali della protezione civile, delle infrastrutture, del rischio sismico e dell’edilizia scolastica.

«L’anagrafe – ha proseguito Carrabs – grazie alle operazioni di rilevazione dati condotte dalle Province, è diretta ad accertare la consistenza, la situazione e la funzionalità del patrimonio edilizio scolastico al fine di costruire uno strumento utile per tutti i livelli di programmazione degli interventi posti in essere tra Stato, Regione ed Enti locali. I dati rilevati forniscono per 1346 edifici censiti su 1355 le notizie generali sull’edificio, sullo stato di conservazione del corpo di fabbrica, degli impianti e sulle condizioni di sicurezza dell’edificio stesso. Il 46% degli edifici marchigiani ha il certificato di agibilità, ma questo non vuol dire che il resto degli edifici non siano in sicurezza. Molti edifici scolastici marchigiani sono ubicati in palazzi storici costruiti prima del ’35 dove il certificato di agibilità non è obbligatorio. I dati non sono negativi, anzi illustrano una situazione sotto controllo e attentamente monitorata».

«Per garantire ulteriore sicurezza – ha continuato l’Assessore - occorrono fondi ingenti provenienti dal Governo nazionale. Proprio lo scorso anno abbiamo sottoscritto un accordo di programma con il ministero della Pubblica istruzione per attivare risorse finanziarie importanti. La sottoscrizione del Patto per la sicurezza, con l’ex ministro Fioroni, approvava formalmente i piani per l'edilizia scolastica predisposti dalle Regioni. Nel triennio 2007/2009 per le Marche sono previsti 26milioni di euro interamente dedicati alla messa in sicurezza delle scuole».
L’assessore Donati e tutti i partecipanti all’incontro hanno condiviso le linee operative di Carrabs. Infatti, a partire dal prossimo consiglio regionale e a seguire da quelli provinciali e comunali, sarà inserito nell’ordine del giorno un piano strategico di interventi al patrimonio edilizio scolastico in base alle esigenze accertate.