11 luglio 2020
Aggiornato 00:30
Alpa Cgil Sicilia

«Per piccoli produttori contributi europei a rischio»

Chiesto incontro a ministro Zaia

Sono più di 80 mila i piccoli produttori siciliani che rischiano di avere ricadute negative dalla stretta dei contributi decisa dalla Commissione europea, che fissa un tetto minino per l’accesso ai fondi di 250 euro e di un ettaro di superficie. A lanciare l’allarme e’ l’Alpa Cgil, associazione di lavoratori e piccoli produttori agricoli, che, nel corso di una partecipata manifestazione che si e’ svolta oggi in un albergo di Palermo, ha lanciato la richiesta al ministro delle politiche agricole, Luca Zaia, di non confermare la decisione comunitaria che, nel paese nel paese oltre 300 mila microaziende.

L’Alpa Sicilia chiede anche l’intervento sul governo naionale dell’assessore regionale all’agricoltura, Giovanni La Via, e annuncia la mobilitazione della categoria. «Si tratta perloppiu’ di microaziende- ha detto Salvatore Sparacio, presidente dell’Alpa Sicilia- fatta da figure miste di produttore/ lavoratore che spesso hanno questa come attività integrativa. I piccoli produttori- aggiunge- rappresentano però più del 60% della base sociale agricola, contribuiscono a mantenere tipicità e bipodiversità e hanno anche una funzione sociale attivando filiere corte, gruppi di acquisto solidali, mercatini biologici». Sparacio ha sottolineato dunque «la funzione di legittimazione socio- economica che, per queste microimprese, specie nelle aree montane e svantaggiate, ha il contributo europeo, anche se di modesta entità». Si parla infatti di cifre che vanno in media dai 500 a qualche migliaio di euro per impresa.