17 luglio 2019
Aggiornato 01:00
Banche

Fiba Cisl: «L'esperienza della BPM e le prospettive di una realtà da valorizzare»

«Esempio positivo di partecipazione dei lavoratori alla governance aziendale»

Si è svolto ieri 9 ottobre a Milano il convegno organizzato dalla Fiba Cisl BPM, per discutere circa le prospettive della Banca, esempio positivo di partecipazione dei lavoratori alla governance aziendale, sul quale si è aperto un ampio dibattito sfociato in una ipotesi di modifica dello Statuto che verrà portata in votazione all'assemblea dei soci.

La questione della partecipazione dei lavoratori è stata al centro di tutti gli interventi: l'economista Alberto Berrini nell'approfondire gli aspetti legati alla crisi dei mercati finanziari ha detto che la risposta più adeguata non è «più Stato», ma «più spazio alla partecipazione, più spazio alla società organizzata».

«E' proprio alla luce dell'attuale crisi finanziaria, che dobbiamo valorizzare ed esportare un modello che può dare un contributo decisivo alla riforma dei mercati finanziari, tanto mai necessaria e da noi della Fiba Cisl invocata - ha detto il segretario generale della Fiba Cisl Giuseppe Gallo - In virtù della forte integrazione con le economie di riferimento, le banche popolari hanno adottato strategie di medio e lungo periodo molto diverse da quella ossessione del breve termine, del «ora, tutto e subito» che sta provocando il caos e gli sconvolgimenti dei mercati finanziari. La vocazione al medio-lungo periodo, l'integrazione con le economie locali, che vuol dire grande attenzione a una creazione e distribuzione di valore più equilibrata per tutti gli stakeholder fanno della Bpm un modello importante che dobbiamo presidiare e difendere. »

«Lo statuto della Bpm - ha dichiarato il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni - è tra i più aperti e democratici nel panorama della Banche popolari. Il sindacato e i soci lavoratori non accettano questa riforma imposta dall'alto. Va difesa la presenza dei rappresentanti dei soci lavoratori nel consiglio di amministrazione. La Banca Popolare di Milano gode di ottima salute ed i risultati economici che continua ad ottenere sono da ascrivere anche al suo particolare sistema di governance. Un sistema che vogliamo esportare a tutto il mondo bancario e finanziario italiano, proprio in un momento così difficile di crisi finanziaria globale. »

All'iniziativa hanno partecipato, il segretario generale della Fiba Cisl Giuseppe Gallo, il segretario generale della Cisl di Milano Fulvio Giacomassi, il componente dell'Associazione Amici della Bipiemme Roberto Gazzola, l'economista Alberto Berrini. Ha coordinato i lavoro Emilio Castelnuovo, consigliere della Banca Popolare di Milano.