16 ottobre 2021
Aggiornato 10:30
Crescita dell’inflazione al 4,1%

Inflazione, Megale «Centralità ccnl per tutela potere d’acquisto»

“Necessaria restituzione immediata fiscal drag”

«Il dato sull’inflazione dimostra come resti centrale l’obiettivo che il contratto nazionale debba tutelare il potere d’acquisto dall’inflazione reale». Così il segretario confederale della Cgil, Agostino Megale, commenta i dati diffusi oggi dall’Istat. «La crescita dell’inflazione al 4,1% - continua - dovrebbe portare il governo a restituire immediatamente il fiscal drag ai lavoratori pari a circa 362 euro su una retribuzione media di 25mila, euro consentendo così almeno una parziale protezione del potere d’acquisto».

«Il dato in continua crescita - continua il dirigente sindacale - ci rende ancor più consapevoli che è l’inflazione stessa la vera nemica dei salari e degli stipendi», e proprio per questo, «è necessaria una politica che tuteli il potere d’acquisto dei salari dall’inflazione a partire dai contratti nazionali di lavoro». Infatti, spiega il segretario confederale Cgil, «nell’industria le retribuzioni contrattuali si attestano mediamente al 3,7: leggermente sotto l’inflazione certificata oggi ma di sicuro, grazie ai contratti nazionali stessi rinnovati con l’inflazione attesa reale, molto al di sopra di quell’1,7 di inflazione programmata con cui il governo vorrebbe si rinnovassero i contratti, a partire da quelli pubblici».

Per coloro che ancora devono rinnovare i contratti, rileva Megale, «l’inflazione al 4,1% vuol dire confermare quella pesante perdita che avevamo indicato in circa 1.600 euro per il prossimo biennio», mentre per coloro che hanno bassi redditi, come precari e pensionati, «pari a meno di 800 euro netti al mese, l’inflazione vera si attesta al 5,2/5,3%, oltre un punto in più al dato odierno dell’Istat». Per tutto questo, conclude Megale, «è indispensabile rispondere all’emergenza salariale presente nel paese con una capacità di azione unitaria tesa a cambiare radicalmente i comportamenti del governo, con l’obiettivo di conquistare la riduzione delle tasse sul lavoro attraverso l’aumento delle detrazioni fiscali».