24 maggio 2019
Aggiornato 13:30
La censura ha superato i confini nazionali

Proteste di piazza Tienanmen, la Cina punta alla globalizzazione del silenzio

A 26 anni dalle proteste di piazza Tienanmen, la Cina è sempre più persuasa della necessità di far dimenticare il 4 giugno 1989. Un silenzio comprato in cambio di affari, e imposto anche alla «democratica» rete; un silenzio globalizzato, ai tempi della globalizzazione dell'economia e della comunicazione

Cina | Anniversari

Piazza Tiananmen «occupata» da personale di sicurezza cinese

In occasione del 25esimo anniversario del massacro di centinaia di persone che protestavano contro il regime comunista. I giornalisti stranieri sono stati allontanati dalla piazza, mentre passanti e curiosi sono stati perquisiti e obbligati a esibire i documenti.