14 luglio 2020
Aggiornato 02:00
Intervista al settimanale «Gioia»

Tea Falco: Ecco come ho convinto Bertolucci

«Ero molto intimidita, lui comincia a farmi domande, io rispondo, ma a un certo punto mi blocco. Ero troppo emozionata». L'attrice Tea Falco racconta così, in un'intervista al settimanale «Gioia», il primo incontro con il grande regista Bernardo Bertolucci per «Io e te»

MILANO - «Ero molto intimidita, lui comincia a farmi domande, io rispondo, ma a un certo punto mi blocco. Ero troppo emozionata». L'attrice Tea Falco racconta così, in un'intervista al settimanale «Gioia», il primo incontro con il grande regista Bernardo Bertolucci per «Io e te».

UNA QUESTIONE DI «LACRIME» - «Poi, mi ha chiesto se avessi qualcosa in comune con Olivia, la protagonista del film, e a quel punto - prosegue la giovane catanese - ho letto il testo che avevo preparato sul personaggio, sulla dipendenza e sul suicidio». Tea continua puntuale nel racconto: «Mi guarda e dice che non è ancora il momento. Io allora scoppio a piangere e il Maestro mi confida che era accaduta la stessa cosa con Eva Green. Infatti, durante il provino per 'The dreamers' le aveva chiesto se sapesse piangere in 10 secondi. E lei rispose di riuscirci in 8». Come finisce la storia? «Bertolucci mi congeda dicendo che il mio non era un pianto cinematografico e mi accompagna alla porta sorridendo. Sono uscita dalla stanza senza capire se mi avesse scelta o meno» conclude Tea.

NON CERCO L'ANIMA GEMELLA - Lasciata da parte Olivia, l'attrice parla di se stessa:«Mi sento dentro tutta l'indomabilità della mia terra e anche se ho avuto una vita serena, è come se sentissi tutto il dolore della Sicilia». E una volta toccato l'aspetto caratteriale, sposta il focus sulla sfera privata e sentimentale: «L'anima gemella spero di non trovarla mai. Sarebbe la fine. Meglio le emozioni continue, l'amore come lo si intende nella nostra società non mi attira». E infine Tea lancia la rivelazione: «Un figlio lo vorrei però. Quando sarà il momento cercherò l'uomo perfetto, esteticamente e intellettualmente».