11 aprile 2021
Aggiornato 11:00
Diario cinematografico

Angelina Jolie accusata di plagio per il suo primo film da regista

Secondo un giornalista croato avrebbe copiato il suo libro. Dal 9 «The Artist», il film muto che ora punta agli Oscar. Disabile in ospedale dopo «urto» con il bodyguard di Johnny Depp

LOS ANGELES - Angelina Jolie è stata accusata di plagio da un giornalista croato, secondo il quale la star hollywoodiana si sarebbe ispirata al suo libro The Soul Shattering per il suo primo film da regista (e sceneggiatrice) In the Land of Blood and Honey, storia d'amore tra una donna bosniaca prigioniera di un campo di concentramento e un soldato serbo sullo sfondo della guerra in Bosnia.
Secondo il quotidiano newyorkese Daily News, il giornalista e scrittore croato Josip J. Knezevic, che si firma come James J. Braddock, l'attrice 36enne ha copiato la trama del suo libro The Soul Shattering. Knezevic lo ha rivelato sul suo sito internet, spiegando cha ha provato a contattare la signora Pitt e il produttore della pellicola, Gk Films, e che dopo non avere ricevuto risposta si è rivolto al tribunale dove ha chiesto un rimborso.
Intanto, mentre Jolie non ha replicato all'accusa, il film uscirà negli Stati Uniti il 23 dicembre..

Dal 9 «The Artist», il film muto che ora punta agli Oscar - Un film che nessuno voleva produrre potrebbe essere la vera sorpresa delle nomination agli Oscar di quest'anno: «The artist», il film muto e in bianco e nero diretto dal francese Michel Hazanavicius, dopo aver ottenuto la Palma d'oro a Cannes per il miglior attore a Jean Dujardin, ha incassato in patria nove milioni di euro in un mese, sta entusiasmando la critica Usa e ora arriva anche in Italia (il 7 a Roma e Milano, dal 9 nelle altre città). Nessun produttore voleva rischiare i propri soldi per un'operazione che sembrava datata e anacronistica ma il regista oggi a Roma ha spiegato: «Io credevo moltissimo in questo progetto, perché un film senza colori e senza suono permette allo spettatore di riempirlo con la propria immaginazione. Oggi il muto è percepito come un'esperienza nuova e la gente ne riscopre la sensualità».
Sulla possibilità di partecipare agli Oscar il regista ha commentato timidamente: «Il grande produttore americano Harvey Weinstein si è innamorato del film e lo distribuirà in Usa, e lui è una garanzia, ma io non potevo neanche immaginare un successo del genere, credo che tutta questa storia sia una bellissima parabola».
La pellicola è ambientata a Hollywood alla fine degli anni Venti e racconta la storia di George Valentin, divo del muto che cade nell'oblio con l'avvento del sonoro, e di una giovane comparsa che diventa invece la stella del nuovo cinema (Bérénice Béjo). Il regista si è ispirato a molte storie simili realmente accadute in quel cruciale passaggio della storia del cinema, prima fra tutte quella di Greta Garbo che impose John Gilbert, suo amante e ultimo divo del muto, nel film «La regina Cristina». «Grazie al sonoro abbiamo avuto la possibilità di raccontare storie molto più complesse, ma credo che con la fine del muto si sia persa l'utopia di un linguaggio universale» ha affermato Hazanavicius, che ha confessato che in futuro ripeterebbe l'esperienza solo se avesse una storia altrettanto forte.
Per il suo prossimo film il regista guarderà ancora al passato, ma molto più recente: girerà un episodio di Les Infidèles, omaggio al cinema italiano degli anni Settanta, tutto incentrato sulle infedeltà maschili.

Disabile in ospedale dopo urto con il bodyguard di Johnny Depp - Una donna disabile ha detto di essere finita in ospedale (per un controllo) dopo essere stata respinta dalle guardie del corpo di Johnny Depp. La 52enne, Robyn Ecker, ha dichiarato alla polizia che le bodyguard le hanno bloccato i polsi e l'hanno buttata a terra dopo che si era avvicinata troppo alla star dei Pirati dei Caraibi durante un concerto di Iggy Pop e gli Stooges la settimana scorsa.
L'incidente sarebbe avvenuto nell'area vip (da 600 dollari a testa) dello stadio Palladium di Los Angeles giovedì, secondo quanto raccontato dalla donna a Tmz, la quale aveva acquistato i costosi biglietti per il compleanno del marito.
Robyn ha detto che si stava divertendo molto, quando è andata «per sbaglio» troppo vicino al tavolo di Depp.