21 novembre 2019
Aggiornato 05:30
A Vanity Fair

Kim Rossi Stuart e il fascino del furto

Alla vigilia dell'uscita del film su Vallanzasca, l'attore: «Ero il cocco delle mamme ma il furto mi affascinava»

MILANO - Alla vigilia dell’uscita del film «Vallanzasca – Gli angeli del male», in cui reciterà nei panni del «bel René» con la regia di Michele Placido, Kim Rossi Stuart racconta in una lunga a intervista a Vanity Fair – che gli dedica la copertina - il suo rapporto con il controverso personaggio.

Kim Rossi Stuart è attratto soprattutto dal lato oscuro di Vallanzasca e a proposito di questo confessa: «Anch’io ho un lato autodistruttivo, ma l’ho esplorato per lo più nella mia adolescenza. Quando entravo in casa dei miei amici diventavo subito il cocco delle mamme: bello, educato, preciso. Ma sotto c’era dell’altro. Ero affascinato, per esempio, dal furto. C’è da dire anche che ero povero in canna, sempre senza una lira».

Su Style.it, oltre al video del backstage, altre dichiarazioni in cui Kim Rossi Stuart racconta qualche particolare della sua vita privata, tra amore per la solitudine e voglia di famiglia.