12 dicembre 2019
Aggiornato 21:30

Michael Douglas ha un tumore alla gola

Si sottoporrà presto a un ciclo di radioterapia e chemioterapia. L'attore: «Sono ottimista»

NEW YORK - Michael Douglas ha un tumore alla gola e si sottoporrà a un ciclo di radioterapia e chemioterapia di otto settimane. L'attore americano, 65 anni, in una dichiarazione rilasciata al magazine People si è detto «molto ottimista» circa la possibilità di una piena guarigione.
Un assistente del suo portavoce, Eli Barach, ha confermato all'Associated Press che l'attore, già vincitore del premio Oscar con il film «Wall Street», ha un tumore alla gola. Al momento Douglas si trova fuori gli Stati Uniti, ha precisato il suo portavoce, Allen Burry, senza fornire altre indicazioni.
Michael Douglas e sua moglie, l'attrice Catherine Zeta-Jones, hanno acquistato una casa sull'isola di Bermuda una decina di anni fa, e Zeta-Jones ha detto in passato che è sua intenzione crescere i suoi due bambini lì.

DUE OSCAR - Vincitore di due premi Oscar, uno nel 1975 come produttore con «Qualcuno volò sul nido del cuculo», l'altro come miglior attore protagonista in 'Wall Street' nel 1988, Michael Douglas è sposato dal 2000 con l'attrice gallese Catherine Zeta-Jones. Ambedue sono nati il 25 settembre, ma a 25 anni di distanza. Dalla loro unione sono nati due figli. Si tratta della sua seconda moglie. La prima era Diandra Luker, anche lei molto più giovane, da cui Douglas si separò nel 1992, dopo 23 anni di matrimonio e da cui ebbe un figlio, Cameron, oggi trentaduenne. Grande sostenitore del partito democratico e di Barack Obama, Douglas si è sempre distinto per una intensa attività umanitaria. Nel 1988 il segretario delle Nazioni Unite, Kofi Annan lo nominò «messaggero di pace» per aver lavorato con la sua «Michael Douglas Foundation» a favore del disarmo nucleare e la tutela dei diritti umani in tutto il mondo. Nel corso della sua vita, Michael Douglas ha avuto diversi problemi di salute. Nell'80 ebbe un grave incidente sugli sci che lo tenne lontano dal set per tre anni. Quindi, dopo aver girato «Basic Instinct», nel 1992 fu costretto a ricoverarsi in una clinica di Tuscon per disintossicarsi dall'alcol. Nella sua sterminata filmografia, da ricordare «Sindrome Cinese», «Attrazione Fatale», «La Guerra dei Roses», «Un giorno di Ordinaria Follia» e «Traffic».