25 gennaio 2022
Aggiornato 08:00
Tragedia in Spagna

Lanterne e occhi al cielo: il saluto degli studenti di Farmacia a Serena Saracino

Un momento toccante, fortemente voluto dai suoi compagni di corso, gli studenti che avrebbero potuto essere al posto di Serena in quella maledetta notte

TORINO - Decine di lanterne cinesi, tanta commozione e occhi rivolti al cielo, quasi a cercare per un momento un contatto con l'amica persa. Si è svolto ieri sera, lungo il fiume Po, il saluto degli studenti di Farmacia a Serena Saracino, scomparsa nel tragico incidente del pullman in Spagna.

Lanterne cinesi e commozione
Un momento toccante, fortemente voluto dai suoi compagni di corso, gli studenti che avrebbero potuto essere al posto di Serena in quella maledetta notte. Dopo essersi dato appuntamento in piazza Vittorio alle 22.30, il gruppo è sceso in religioso silenzio ai Murazzi. C'è chi porta una candela, chi un fiore o una fotografia. Una volta arrivati sulla riva del Po, proprio di fronte al monte dei Cappuccini, il rilascio delle lanterne nel cielo di Torino e un lungo applauso commosso.

Oggi l'ultimo saluto a Serena
Piazza Vittorio, proprio di fronte a dove questa mattina si svolgerà il funerale di Serena Saracino, continua la sua solita vita fatta di movida, chiacchiere e risate. La folla si disperde piano piano, con lo stesso silenzio rispettoso con cui si era riunita. I presenti in questa serata di ricordo tornano a casa con con una stretta al cuore e un sorriso amaro, ma pieno d'amore: lo stesso che, sicuramente, sarà spuntato sul volto di Serena nel vedere i propri amici sulle rive del Po, tutti per lei.