2 dicembre 2022
Aggiornato 01:00
Ciclismo

Filippo Ganna nella storia: oro e record del mondo nell'inseguimento

Nella finale ha battuto l'altro azzurro, Jonathan Milan, in una sfida emozionante e crudele. Anche per Milan, quella di questa sera, è stata la miglior prestazione personale di sempre.

Filippo Ganna oro nell'inseguimento
Filippo Ganna oro nell'inseguimento Foto: ANSA

Record del mondo in 3.59.636 e titolo di campione del mondo per Filippo Ganna questa sera al Velodromo St Quentin di Parigi. Nella finale ha battuto l'altro azzurro, Jonathan Milan, in una sfida emozionante e crudele. Anche per Milan, quella di questa sera, è stata la miglior prestazione personale di sempre con 4.03.790 e conferma che dietro a Pippo c'è tanto altro.

Un successo atteso, un record che ha sorpreso e che arriva a pochi giorni da quello ottenuto a Grenchen sull'ora. Il piemontese ha ufficializzato solo ieri sera la sua partecipazione ed anche questa mattina, al risveglio, non sembrava essere in una delle sue migliori giornate. Evidentemente il campione sentiva l'impegno e stava cercando tutta la concentrazione necessaria per scaricare sui pedali la sua forza con un rapporto mostruoso 67x15.

Ganna ha abbassato di circa 3 decimi il record realizzato dall'americano Ashton Lambie, al quale sottrae anche il titolo mondiale che aveva conquistato nel 2021 a Roubaix proprio a sue spese. La differenza tra il record di Ganna e quello dell'americano sta tutta nei circa 2000 metri di dislivello, quelli che dividono il livello del mare di Parigi dall'altura di Aguascalientes, dove Lambie ha segnato il suo limite, nell'agosto del 2021, non in gara ma in un tentativo certificato dall'UCI.

Il neo campione del mondo non ha mai nascosto, in questi anni, di guardare con interesse al 'muro' dei 4', ma ha sempre ritenuto fondamentale abbatterlo a livello del mare, in una gara ufficiale. L'ha fatto oggi davanti ad un pubblico che non ha mai smesso di incintarlo.

A livello personale si tratta della 2^ medaglia in questo Mondiale, dopo l'argento nel quartetto di ieri, e la 6^ per l'Italia dopo quelle di Martina Fidanza (oro Scratch), Quartetto femminile (Oro Alzini, Guazzini, Fidanza, Balsamo e Consonni), Rachele Barbieri (argento eliminazione) e Jonathan Milan (argento inseguimento individuale).

«Ho cercato di scaricare sui pedali tutta la rabbia delle critiche ricevute dai Media e sui social» - le parole di Pippo che evidentemente è rimasto segnato dagli attacchi ricevuti dopo la crono di Wollongong. «Quella di oggi è stata una delle giornate più intense della mia carriera e pensare che, questa mattina non volevo fare l'inseguimento e andare in vacanza. Ci hanno pensato i miei compagni ad incitarmi, spronandomi a provarci. Li ringrazio, loro ed il pubblico, che quando ha capito che potevo battere il record non ha lesinato il supporto».