28 settembre 2020
Aggiornato 02:00
Calcio

Il Bayern Monaco è la squadra più quotata in Champions League?

Il calcio però è imprevedibile, proprio come dimostrato dalle uscite repentine di squadre che erano state protagoniste della passata edizione, come Tottenham, Ajax e la vincitrice, il Liverpool

Il Bayern Monaco è la squadra più quotata in Champions League?
Il Bayern Monaco è la squadra più quotata in Champions League? ANSA

Chi avrebbe detto a inizio stagione, che il Gruppo G di Champions League sarebbe stato il vero fulcro di questa edizione? Le squadre che lo componevano erano RB Lipsia, Lione, Benfica e Zenit. Tra queste proprio i campioni portoghesi potevano fregiarsi delle due edizioni vinte, seppur lontane nel tempo. Stesso numero di Champions di Juventus e Nottingham Forest. Dati statistici interessanti in termini di pronostici per questa edizione ormai al termine di Champions League da seguire attraverso 888sport portale web dedicato alle quote, ai pronostici e alle scommesse calcistiche.

L’imprevedibilità di questa edizione di Champions League

Il calcio però è imprevedibile, proprio come dimostrato dalle uscite repentine di squadre che erano state protagoniste della passata edizione, come Tottenham, Ajax e la vincitrice, il Liverpool. Sul gruppo A invece, composto da Club Brugge, Galatasaray e soprattutto Real Madrid e PSG, si era detto che era uno dei più interessanti, anche se i campioni di Ligue 1 finora avevano deluso in questa competizione. Anche il gruppo B con i campioni di Bundesliga del Bayern Monaco di Robert Lewandowski e il sorprendente Tottenham della passata edizione, era un girone di tutto rispetto. Difficile invece pensare come nessuna squadra dei gruppi C, D ed E sia stata capace di arrivare oltre i quarti di finale, se andiamo a considerare il livello dei tre gironi con Manchester City, Juventus, Atletico Madrid, Liverpool e Napoli. Eppure nel calcio il livello di imprevedibilità per un torneo di questo livello risulta ancora una componente essenziale, come dimostrato da Atalanta, RB Lipsia e soprattutto dal Lione.

Il gruppo G porta in semifinale addirittura due squadre: chi lo avrebbe detto?

Il Lione di Rudi Garcia, aveva passato la fase a gironi per un solo punto di differenza, rispetto a Benfica e Zenit. Quello che però ha reso la squadra francese molto simile all’Ajax della passata stagione è stato un altro aspetto importante: aver eliminato in sequenza due squadre che erano state date favorite da un cospicuo numero di bookmaker, cioè Juventus prima, Manchester City, poi. Col senno di poi è facile dire che questa doveva essere una edizione particolare, per la modalità in cui è stata giocata, per come si è arrivati ad agosto e via dicendo. Eppure proprio due squadre francesi sono arrivate in semifinale, nonostante il campionato di Ligue 1 non sia più ricominciato dopo lo stop forzato della scorsa primavera. Le quote per le due outsider sono naturalmente basse, così come non parte da favorito nemmeno il PSG, che ha battuto l’Atalanta di Gianpiero Gasperini nei minuti di recupero e per giunta di misura. Discorso differente per la corazzata del Bayern Monaco di Hans-Dieter Flick, una formazione che in Bundesliga ha mostrato il suo netto predominio rispetto a squadre di assoluta qualità come appunto RB Lipsia e ancora di più il Borussia Dortmund, che già per due stagioni sembra lì lì per contendersi il titolo, ma che poi viene superato dal Bayern e dai suoi campioni. Qualora il Bayern Monaco dovesse aggiudicarsi questa edizione di Champions League, scavalcherebbe il Barcellona, agganciando il Liverpool che durante la passata competizione aveva vinto la sua sesta coppa. Prima però c’è un ultimo ostacolo da superare, cioè questo sorprendente Lione, lanciatissimo, malgrado il suo piazzamento in campionato, fuori addirittura anche dall’Europa League. Dopo la bella favola dell’Atalanta, alla sua prima esperienza giunta ai quarti di finale, appare evidente che molti appassionati di sport, di calcio e di scommesse faranno il tifo per queste due outsider di lusso: Lione e RB Lipsia.