20 giugno 2019
Aggiornato 14:00
Calcio

Juventus: un’autostrada fino a Napoli

Il 3 marzo è in programma lo scontro diretto allo stadio San Paolo e i bianconeri contano di arrivarci dopo un filotto di vittorie decisamente alla loro portata

La Juventus 2018-2019 va a caccia dell'ottavo scudetto di fila e della terza Coppa dei Campioni della sua storia
La Juventus 2018-2019 va a caccia dell'ottavo scudetto di fila e della terza Coppa dei Campioni della sua storia ( ANSA )

TORINO - Facciamo una doverosa premessa: le possibilità che la Juventus non vinca il suo ottavo scudetto consecutivo sono vicine allo zero, più o meno come le temperature che affliggono l’Italia nella morsa di gelo di questi giorni. Troppo superiori, esperti e concentrati i bianconeri per lasciarsi sfuggire un campionato che alla 21.ma giornata li vede primi in classifica e con un vantaggio di ben 11 punti sul secondo posto, occupato al momento dal Napoli di Carlo Ancelotti che appare l’unica rivale teoricamente accreditata per dare un po’ di fastidio alla compagine juventina. Il prossimo 3 marzo allo stadio San Paolo gli azzurri ospiteranno i Campioni d’Italia in uno scontro diretto che appare forse l’ultima, estrema possibilità di tenere aperto un torneo che sembra invece già abbondantemente chiuso.

Il calendario bianconero

Ma da qui al suddetto 3 marzo, quanti punti potrà perdere la Juventus e quanti guadagnarne il Napoli? Una domanda lecita, perché se il giorno del confronto diretto il divario sarà questo (o giù di lì), anche un’eventuale successo dei partenopei sarebbe alquanto inutile, tenendo anche conto che la squadra di Allegri ha già vinto all’andata in casa per 3-1 lo scorso 29 settembre. Scorrendo il calendario, infatti, a Napoli hanno di che preoccuparsi: prima dello scontro del San Paolo, la Juventus affronterà in serie Parma, Sassuolo, Frosinone e Bologna, con la concreta possibilità di infilare 4 vittorie su 4 e vedere il proprio vantaggio sulla compagine di Ancelotti invariato, come minimo; Napoli che, oltretutto, non se la passerà bene dovendo vedersela con Sampdoria, Fiorentina, Torino e Parma prima di affrontare i bianconeri. Arrivare all’appuntamento del 3 marzo con una Juve a quasi +15 sul Napoli, insomma, appare ipotesi più che plausibile, un fatto che inevitabilmente priverebbe di fascino la sfida di Fuorigrotta.