6 dicembre 2019
Aggiornato 05:30

Espargarò ritrova confidenza con la sua Aprilia

Il pilota spagnolo chiude tredicesimo, ma a solo mezzo secondo dai primi cinque, in netto miglioramento rispetto all'ultimo Gran Premio. Redding si avvicina

Aleix Espargaro in sella alla Aprilia durante le prove libere del GP d'Olanda di MotoGP ad Assen
Aleix Espargaro in sella alla Aprilia durante le prove libere del GP d'Olanda di MotoGP ad Assen

ASSEN – Dopo i primi due turni di prove ad Assen, in vista del GP di domenica, Aleix Espargaró (13° in 1:34.318 ma a solo mezzo secondo dai primi cinque) ritrova confidenza con la sua RS-GP. È un miglioramento netto rispetto all’ultima gara corsa a Barcellona che, vista anche la classifica molto corta, lo rende fiducioso per la giornata di domani quando i turni saranno decisivi per la definizione dello schieramento di partenza. «Oggi ho ritrovato sensazioni positive sulla mia Aprilia, molto meglio che a Barcellona, è vero che non siamo in alto nella classifica provvisoria ma non siamo troppo lontani – commenta lo spagnolo – Ho fatto molti giri tenendo un buon ritmo. Credo che domani avremo tutte le possibilità per migliorare ancora e, con un buon giro, puntare all’accesso diretto alla fase finale delle qualifiche».

Redding in crescita tra le due sessioni
Scott Redding ha chiuso i due turni in 22esima posizione in 1:34.979 migliorandosi di quasi un secondo tra la prima e la seconda sessione. «Questa mattina ho fatto un po' fatica per quanto riguarda la stabilità e la combinazione di gomme, la RS-GP si muoveva molto – dichiara l'inglese – Nel pomeriggio siamo riusciti a migliorare, mi sentivo bene in sella e mi sono divertito a guidare. Nell'ultima uscita un problema al transponder impediva ai settaggi elettronici di funzionare a dovere, quindi non è stato possibile far segnare un tempo migliore. Dobbiamo lavorare per rendere la moto meno nervosa, i movimenti rendono faticosa la guida e ti fanno perdere precisione».