23 settembre 2018
Aggiornato 08:30

I dubbi Yamaha non spaventano Valentino Rossi: «Siamo pronti»

Per la casa dei Diapason è stato un pre-campionato durissimo, ma il Dottore e il suo compagno di squadra Maverick Vinales si dicono carichi al via del 2018
Valentino Rossi in pista con la Yamaha nei test in Qatar
Valentino Rossi in pista con la Yamaha nei test in Qatar (MotoGP)

DOHA«Mi sento bene, mi sono allenato in modo produttivo quest'inverno e sono pronto per iniziare questa nuova stagione insieme alla mia M1, al mio team e allo staff Yamaha. Sarà una stagione interessante, sembra che ci siano molti piloti veloci, ma noi siamo pronti a fare del nostro meglio». Valentino Rossi annuncia così quella che sarà la sua ventitreesima stagione del Motomondiale che comincerà domenica a Losail in Qatar. Il fenomeno di Tavullia, con le sue quattro vittorie, è il pilota che vanta il migliore palmares su questa pista. Ma l'ultima parte della scorsa stagione e poi tutto l'inverno sono stati durissimi per la casa dei Diapason, e pieni di dubbi, che non si sa ancora se Vale sarà in grado di sciogliere. «Dopo un lungo inverno – racconta il Dottore – siamo finalmente arrivati al primo Gran Premio di questa nuova stagione e, dopo molti test, arrivare alla gara inaugurale è sempre bello. I test pre-campionato sono stati importanti, abbiamo compreso i nostri punti deboli e quelli di forza. Dobbiamo continuare a lavorare, ma tutti in Yamaha vogliono migliorare, disputare delle belle gare e vincere. Ci siamo preparati per questa prima gara durante gli ultimi test, ma abbiamo ancora le sessioni di prove libere per migliorare, per fare un altro passo in avanti».

Ma Vinales è fiducioso
Stessa incertezza per il suo compagno di squadra Maverick Vinales, che un anno fa si presentava qui forte di una striscia perfetta nei test, mentre stavolta la sua situazione sembra decisamente più in salita. «Sono così emozionato di arrivare in Qatar e iniziare la nuova stagione, non vedo l'ora – afferma comunque Top Gun – La scorsa è stata una stagione difficile per me, con molti alti e bassi, ma soprattutto ho imparato molto e ora sento di poter fare grandi cose quest'anno e di poter lottare per tutto il campionato per vincere il titolo. Sono sicuro che potremo restare costantemente a lottare al vertice. Il pre-campionato ci ha aiutato a sperimentare molte soluzioni e finalmente abbiamo trovato un buon assetto. Abbiamo ancora dei piccoli problemi di elettronica, ma sono fiducioso di poter raggiungere il 100% al primo Gran Premio. Il Qatar è una pista che mi piace molto, ho vinto il mio primo GP con la Yamaha qui, perciò ho dei ricordi speciali e farò del mio meglio per salire di nuovo sul podio questa settimana».

(da fonte Askanews)