19 settembre 2018
Aggiornato 15:00

Dalla Yamaha alla Ktm: nuovo matrimonio per la Tech3

L'ex team satellite della casa di Iwata passa al costruttore austriaco, che raddoppia la sua presenza: schiererà due moto identiche a quelle ufficiali dal 2019
Il logo Ktm sulla moto della casa austriaca in MotoGP
Il logo Ktm sulla moto della casa austriaca in MotoGP (Ktm)

ROMA – Dopo il divorzio arriva un nuovo matrimonio. Lasciata la Yamaha, di cui era squadra satellite fin dal suo debutto in MotoGP nel 2001, il team Tech3 di Hervé Poncharal passa alla Ktm, firmando un contratto triennale che è stato ufficializzato oggi. La casa austriaca, dunque, raddoppia la sua presenza nella classe regina, passando da due a quattro moto, mentre la scuderia francese ottiene «quello che abbiamo sempre sognato», per usare le parole dello stesso Poncharal: un trattamento tecnico assolutamente identico a quello del team ufficiale, con l'ultimo modello e le più recenti evoluzioni a disposizione. Una condizione che la Yamaha aveva rifiutato di concedergli, nonostante gli ottimi risultati ottenuti nella passata stagione da Johann Zarco e gli esperimenti analoghi di terza moto ufficiale affidata alla squadra satellite già in piedi per la Honda con Cal Crutchlow e per la Ducati con Danilo Petrucci.

Stretta di mano
Alla Ktm, invece, la formazione transalpina ha trovato le porte aperte: «Siamo molto contenti di unirci alla Tech3 in MotoGP dal 2019 – ha spiegato il direttore sportivo, Pit Beirer – Il team vanta molti anni di esperienza e ha ottenuto molti grandi risultati in questo campionato. La loro struttura professionale ci renderà ancora più forti. Avere quattro Ktm Rc16 sulla griglia sarà un ulteriore grosso passo in avanti per noi, sia per lo sviluppo delle nostre moto che per l'espansione della nostra struttura nel paddock. Non vediamo l'ora di cominciare una grande collaborazione e ringrazio Hervé Poncharal per la loro futura fiducia nella Ktm». Restano ancora da ufficializzare i piloti, anche se a questo punto è molto probabile una riconferma del gioiellino Zarco, e il nome del nuovo team che schiererà le Yamaha satellite dal 2019.