22 ottobre 2018
Aggiornato 01:00

Cutrone: la Procura chiede la prova tv, ora tocca al Giudice Sportivo

Come si temeva Ŕ arrivata la richiesta della prova tv da parte della Procura della Federcalcio nei confronti di Patrick Cutrone. Adesso la palla passa al Giudice Sportivo.
La gioia di Cutrone dopo il gol segnato alla Lazio
La gioia di Cutrone dopo il gol segnato alla Lazio (ANSA)

MILANO - La Procura della Federcalcio ha chiesto la prova tv per il gol realizzato da Patrick Cutrone contro la Lazio nell’incontro Milan-Lazio disputato domenica sera a San Siro. Ai fini di un’eventuale squalifica del giocatore per condotta antisportiva il Giudice Sportivo dovrà valutare in primo luogo se si tratta di una prova ammissibile e successivamente se si tratta di un tocco volontario. 
Il classe ’98 cresciuto nel vivaio del Milan, al termine dell’incontro vinto dai rossoneri contro la squadra laziale ha provveduto a testimoniare il suo stato d’animo sull’evento in questione. In una sua Instagram Stories, Patrick Cutrone scrive di aver avuto la sensazione di colpire la palla in maniera regolare, pur ammettendo l’errore nel non averlo confessato subito: «Ho rivisto le immagini del gol, in un momento di adrenalina e istinto ho avuto la sensazione di colpire la palla in modo regolare. Ci tengo comunque a dire che il mio non è stato un gesto volontario e mi spiace che venga messa in discussione la mia onestà».
A questo punto si attende la decisione del Giudice Sportivo, ma se Cutrone dovesse venire squalificato si rischierebbe un pericoloso precedente che costringerebbe a prendere lo stesso provvedimento nei confronti di tutti coloro che commetteranno un fallo di mano da qui in avanti.