22 ottobre 2019
Aggiornato 17:30

Dybala segna e fa segnare: «A Barcellona per giocarcela»

Juve non bella nel primo tempo con il 4-3-3: in vantaggio con l'autorete di Hetemaj su punizione di Pjanic. Nella ripresa entra Dybala e illumina il gioco, ispirando il 2-0 di Higuain, poi firma il 3-0 con una magia.

Paulo Dybala autore del terzo goal della Juventus al Chievo
Paulo Dybala autore del terzo goal della Juventus al Chievo ANSA

TORINO - Tutto facile per la Juve che supera 3-0 il Chievo nel primo anticipo di serie A ed ora può pensare alla Champions League ed alla trasferta di martedì sera a Barcellona. E' un super Dybala che segna e fa segnare. Al 17' Juventus in vantaggio. Il calcio di punizione é battuto bene da Pjanic sul primo palo, Hetemaj nel tentativo di anticipare tutti trafigge il proprio portiere di testa. Il raddoppio arriva al 58'. Dybala per Pjanic che serve benissimo in area Higuain. Il Pipita davanti a Sorrentino non sbaglia e lo trafigge con un destro all'angolino alto. Il terzo gol all'83'. Non poteva mancare il sigillo di Paulo Dybala con un grande goal del fuoriclasse argentino che in area porta a spasso Gamberini e poi con il sinistro incrocia sul primo palo.

PARLA DYBALA - «La squadra stava vincendo quando sono entrato e c'erano gli spazi per poter entrare. Io mi sono alzato per aiutare Higuain ma la squadra ha giocato molto bene e ha meritato la vittoria». Così Paulo Dybala ha commentato ai microfoni di Premium Sport la sua prestazione ed il successo della Juve per 3-0 sul Chievo.
«Mi sento bene, ero un po' stanco dal viaggio ma sono contento. La sfida del Barcellona? Siamo consapevoli che questo mese sarà molto importante, è il primo dei tre mesi fondamentali che ci dirà cosa potremo fare in questa stagione. Oggi abbiamo avuto grande rispetto per il Chievo, abbiamo fatto una grande gara e andremo a Barcellona per giocarcela».

ALLEGRI SODDISFATTO - «Abbiamo giocato per la prima volta con i 3 centrocampisti, anche perchè sono arrivato molti nazionali solo giovedì e dovevamo arrangiarci. I ragazzi sono stati bravi, abbiamo subito qualche tiro di troppo ma non abbiamo subito gol e questo è importante». Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, commentando a Premium Sport il successo dei bianconeri nell'anticipo con il Chievo. «Ci vuole disponibilità da parte di tutti per subire meno - spiega il mister dei campioni d'Italia - L'anno scorso, a parte nella ripresa della finale di Champions, abbiamo subito pochissimi tiri ma abbiamo perso perchè abbiamo fatto male la fase difensiva. In Italia nessuna sfida è semplice perchè gli avversari corrono come te ma poi esce fuori la qualità».
«Dybala sempre più leader? Sta crescendo molto, sia tecnicamente che fisicamente - ammette l'allenatore livornese - Ha tutti i numeri per poter diventare, insieme a Neymar, uno dei due giocatori più forti al mondo, quando Messi e Ronaldo smetteranno. Sono contento per lui per quello che sta facendo e sono fortunato ad allenarlo. Il Barcellona voleva me e Dybala? No, assolutamente. Sono contento qui alla Juventus, ci siamo divertii in questi anni e volgiamo continuare a farlo. Abbiamo una stagione importante davanti, in Italia ci sono 4 squadre che possono vincere lo Scudetto, il Torino ha fatto una bellissima squadra per poter ambire alle prime posizioni, la Lazio è sempre combattiva. Per vincere in Italia servirà qualche punto in meno ma sarà più difficile».