23 gennaio 2020
Aggiornato 01:00
Formula 2 | Hungaroring

Ferrucci, il pupillo della ferrarina Haas, promosso in F2

In vista del settimo appuntamento stagionale della categoria cadetta, il team italiano Trident ha annunciato l’accordo con il pilota americano, development driver della scuderia statunitense di Formula 1, che disputerà accanto a Nabil Jeffri i restanti cinque round di campionato

BUDAPEST – Il campionato di Formula 2 si appresta a fare visita all’impegnativo tracciato ungherese dell’Hungaroring, ubicato alle porte di Budapest, dove il team Trident si presenterà con uno schieramento inedito, composto da Nabil Jeffri e Santino Ferrucci, che rimarrà invariato sino al termine della stagione. La presenza del diciannovenne pilota del Connecticut, per il secondo anno consecutivo development driver del team Haas in F1, consentirà all'italiana Trident di rafforzarsi ulteriormente, potendo contare su uno tra i piloti più veloci e promettenti in circolazione. Santino Ferrucci vanta una preziosa esperienza nel campionato europeo di F3 e nella GP3 Series, categoria nella quale ha disputato i primi tre round della stagione. Il driver a stelle e strisce per il 2017 ha in programma anche un importante impegno con il team Haas F1, che prevede numerose sessioni al simulatore ed in pista, con il compito di contribuire allo sviluppo della Haas VF-17.

Le aspettative del team italiano
«Siamo molto orgogliosi di poter annunciare l’accordo tra il team Trident ed il pilota americano Santino Ferrucci per le restanti cinque prove del campionato di F2 – dichiara il team manager Giacomo Ricci – Il diciannovenne driver del Connecticut ha già avuto la possibilità di salire su una monoposto della categoria GP3 Series schierata dal team Trident in occasione dei test collettivi dello scorso mese di novembre ad Abu Dhabi, quando ha impressionato lo staff tecnico ottenendo risultati di grande rilievo e classificandosi con costanza tra i cinque piloti più veloci. Ora Santino si appresta a debuttare in F2 sul circuito di Budapest, che l’ha visto primeggiare in occasione dei test collettivi svolti dalla GP3 Series. Sono convinto che Santino abbia le capacità necessarie per adattarsi in breve tempo alle vetture della categoria superiore. Grazie alla sue esperienza in Formula 1, non avrà nessun problema a gestire una vettura con maggior potenza ed i freni in carbonio». Accanto al nuovo arrivo ci sarà come di consueto il ventitreenne pilota malese Nabil Jeffri, che nelle recenti uscite ha costantemente impressionato per il solido ritmo gara. Lo staff tecnico del team Trident è dunque molto fiducioso in merito alla chance del pilota malese di ben figurare nelle restanti corse della stagione.