20 settembre 2019
Aggiornato 18:30

Morbidelli vince ancora e va in fuga: «Sto vivendo un sogno»

Sesta vittoria su nove gare per Franco, che approfitta della contemporanea caduta dei due diretti rivali Thomas Luthi e Alex Marquez per allungare a 37 punti il suo vantaggio in classifica mondiale. Intanto sempre al Sachsenring Pecco Bagnaia risale sul podio per la terza volta

CHEMNITZ – Un Gran Premio di Germania da sogno per Franco Morbidelli. Il romano, ma tavulliese d'adozione, conquista la sesta vittoria su nove gare della Moto2 e, grazie al contemporaneo ritiro dei suoi principali rivali Thomas Luthi e Alex Marquez, si presenta alla pausa estiva che segna il giro di boa della stagione con ben 37 punti di vantaggio in classifica iridata. Quello del pilota del team Marc Vds è stato un capolavoro di tattica, in una corsa di alta tensione: partito dalla pole position, ha giocato d'attesa nella fase iniziale scendendo al terzo posto dietro appunto a Marquez e Luthi. Ma dopo lo sfortunato epilogo di questi ultimi si è ritrovato a lottare per la vittoria con Miguel Oliveira: al penultimo giro è stato il coraggioso portoghese a passare al comando, ma alla prima curva dell'ultimo passaggio Morbido ha piazzato il suo sorpasso decisivo con tempismo perfetto ed è riuscito a tagliare il traguardo per primo con appena 66 millesimi di vantaggio. «Sto vivendo un sogno e non voglio svegliarmi – ammette – La gara è stata molto difficile, specialmente quando ho dovuto difendere la testa della corsa contro Miguel, che mi ha raggiunto ad un ritmo velocissimo nella fase centrale. Ma poi non mi ha superato, altrimenti sarei andato in crisi. Mi stavo preparando ad una grande battaglia negli ultimi due giri: non è stato facile ma ho piazzato un ultimo passaggio ottimo che mi è valso la vittoria».

Terzo podio per Bagnaia
Francesco Bagnaia regala un'altra soddisfazione allo Sky Racing Team VR46 conquistando il terzo podio stagionale. Il giovane rookie, che partiva dalla decima casella dello schieramento, da prova di grande maturità e gestisce al meglio le risorse per sferrare, proprio all'ultimo giro, l'attacco vincente su Simone Corsi e raggiungere così la terza piazza. Con i punti conquistati oggi, Pecco sale al sesto posto in classifica generale con 77 punti, primo tra i rookie della categoria. «Una gara davvero lunga e faticosa, ma che soddisfazione alla fine! – esclama il torinese – Abbiamo fatto davvero un gran lavoro dopo Mugello, Barcellona e Assen per tornare ad essere competitivi nel gruppo di testa e questo è un ottimo risultato proprio a ridosso della pausa. Non partivo nelle primissime file, ma ho spinto subito per ricucire il distacco. Sono rimasto con Corsi e Pasini fino alla bandiera a scacchi e agli ultimi due giri ci ho provato. Ho superato Simone e ho dato il massimo per prendere un minimo di vantaggio. Il mio giro veloce proprio prima del traguardo ne è la prova. Un grazie a tutti i ragazzi del team per il loro gran lavoro e una dedica speciale alla mia mamma per il suo compleanno. Vado in vacanza con il sorriso». Dietro a Bagnaia giungono quindi nell'ordine Simone Corsi e Mattia Pasini, che completano la striscia di quattro italiani nelle prime cinque posizioni del Gran Premio di Germania di Moto2.

Bagnaia in lotta durante il Gran Premio di Germania
Bagnaia in lotta durante il Gran Premio di Germania (Sky Vr46)