7 giugno 2020
Aggiornato 01:30
Vettel e Raikkonen salutano i tifosi ferraristi

La stagione 2017 della Ferrari inizia da Daytona

Due mondi si incontrano nel tempio della velocità statunitense: la Rossa porta la Formula 1 sul triovale più famoso del pianeta. Le finali mondiali sono l'occasione per chiudere un'annata critica e caricarsi per ricominciare

La parata di Vettel e Raikkonen nelle finali mondiali Ferrari di Daytona
La parata di Vettel e Raikkonen nelle finali mondiali Ferrari di Daytona Ferrari

DAYTONA – Il sibilo del motore di Formula 1 sui curvoni sopraelevati (fino a 31° di inclinazione) del World Center of Racing è qualcosa che non si dimentica. Soprattutto se è la prima volta che i due mondi si incontrano, nella cornice delle finali mondiali. Per Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel Daytona era un’esperienza nuova. Hanno atteso con impazienza, pregustando il divertimento, il momento di scendere in pista con le rispettive F60. Hanno scambiato impressioni con i colleghi della Gt e infine, nel dicembre quasi estivo della Florida, hanno replicato i gesti e le azioni di un campionato ormai concluso: guanti, casco, poi via in pista, girando appaiati e fermandosi in pit lane per i cambi gomme. Un’esibizione per un pubblico, quello americano, da sempre importante per il marchio Ferrari. Un modo di chiudere fra amici una stagione di F1 vissuta spesso, inutile nasconderlo, al disotto delle aspettative. Ma le basi per il recupero sono già state gettate. «Ci siamo rimasti tutti male – dichiara Seb – Volevamo vincere, ma non abbiamo raggiunto i nostri obiettivi. Però ho ragione di credere che nel 2017 avremo un pacchetto molto più forte». Il punto di ripartenza, secondo il team principal, risale a qualche mese fa. «Il nostro 2017 – commenta Maurizio Arrivabene – è partito l’agosto scorso con la rivoluzione tecnica. Dalla Ferrari la gente si aspetta molte cose, vittorie e successi, dunque daremo il massimo per farlo. Da quando esiste la nuova struttura si sono viste cose positive già in Giappone e ad Abu Dhabi. Ora c’è Mattia Binotto, un grande tecnico. Non faccio nessuna previsione ma so che i ragazzi stanno lavorando molto bene e tutti insieme». Di previsioni sul 2017 non vuole farne neanche Kimi: «Sarà un anno di cambiamenti regolamentari ed è difficile dire chi ne trarrà vantaggio. Noi dobbiamo guardare a noi stessi, perché quando ti chiami Ferrari le aspettative sono sempre alte».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal